Connect with us

In Primo Piano

Il col. Raffaele D’Angelo nuovo comandante provinciale della Guardia di finanza

Raffaele D’Angelo subentra a Antonio Quintavalle, cerimonia nella caserma “Angelo Majorana”

Pubblicato

il

Cambio al vertice provinciale della Guardia di finanza di Catania. Cerimonia di passaggio di consegne nella caserma “Angelo Majorana” tra il comandante uscente Antonio Nicola Quintavalle Cecere (che va a Palermo) ed il subentrante Raffaele D’Angelo, alla presenza del comandante regionale Riccardo Rapanotti.

Schierata una rappresentanza di Ufficiali e personale del Comando Provinciale e di tutti i Reparti etnei, nonché i rappresentanti del Comitato di Base della Rappresentanza militare e una rappresentativa locale dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia.

Il colonnello Raffaele d’Angelo è nato ad Aversa il 21 marzo 1971, sposato e padre di un figlio.

Frequentatore dal 1989 al 1993 dell’Accademia e della Scuola di Applicazione della Guardia di Finanza, nel corso della carriera ha ricoperto numerosi ed importanti incarichi operativi e di Stato Maggiore. Nel periodo 2010 – 2012 è stato Capo Ufficio Operazioni del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo e successivamente Capo Sezione Affari Generali, Analisi e Studi dell’Ufficio del Comandante Generale.

Nel grado di Colonnello, ha retto l’Ufficio Relazioni Esterne e Cerimoniale del V Reparto del Comando Generale e successivamente ha comandato il Gruppo di Fiumicino Aeroporti.

Proviene dal II Reparto Coordinamento Informativo e Relazioni Internazionali del Comando Generale.

Titolato “Corso Superiore di Polizia Tributaria”, è laureato in Giurisprudenza, in Scienze della Sicurezza Economico – Finanziaria ed in Scienze Politiche. È Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti