Connect with us

Cronaca

Salvatore Russo resta in carcere. Il Tdr conferma la sentenza del Gip Molino

Respinta la richiesta di scarcerazione o concessione degli arresti domiciliari, presentata dagli avvocati Liotta e Bellissima

Pubblicato

il

Resta in carcere Salvatore Russo, il 29enne paternese, indagato per l’omicidio di Antonino e Fabrizio Contiguglia e per il tentato omicidio di Salvatore Contiguglia, avvenuto ad Ucria lo scorso 15 agosto.

I giudici del Tribunale del riesame di Messina, hanno respinto il ricorso presentato dalla difesa, rappresentata dagli avvocati Turi Liotta e Luigi Bellissima, confermando quanto disposto dal Gip di Patti, Ugo Molino.

Non chiare le motivazioni che hanno spinto i giudici a non accogliere la richiesta di scarcerazione o quanto meno di attenuazione della pena, con la concessione degli arresti domiciliari per Russo, presentata dagli avvocati Liotta e Bellissima che sostengono l’azione determinata solo dall’aver agito per legittima difesa. I giudici hanno 30 giorni di tempo per depositare le motivazioni, solo allora si potrà decidere come continuare.

E se Russo resta in carcere, per quanto accaduto ad Ucria, restano indagati a piede libero altre 7 persone. Si tratta del cognato di Russo Davide Balsamo, con il quale Giovanni Santino Contiguglia, di 68 anni, ha avuto un diverbio per quel posto auto per diversamenteabili, assegnato ai Contiguglia ma occupato temporaneamente il giorno prima della tragedia dalla famiglia Russo. Secondo gli accertamenti delle forze dell’ordine, mentre il mandante Santino Contiguglia, oggi anche lui indagato, è rimasto quella sera in disparte, a raggiungere la casa di Russo sono stati Davide Contiguglia di 35 anni; Vittorio Contiguglia, di 55 anni; Salvatore Contiguglia, di 43 anni, insieme alle due vittime Antonino e Fabrizio Contiguglia.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti