Connect with us

In Primo Piano

Salvare le Salinelle. Diventerà Bellissima scrive al presidente della Regione

In una lettera aperta indirizzata al governatore Musumeci, si chiede il recupero dell’area ambientale

Pubblicato

il

Tornano ad accendersi i riflettori sulle salinelle di Paternò, da decenni in uno stato d’abbandono e degrado. Quella tanto attesa valorizzazione, per un sito dalle enormi potenzialità turistiche, non arriva e tutto giace nel silenzio. A cercare di smuovere le acque è il movimento “Diventerà Bellissima” che ha scritto una lettera aperta al Presidente della Regione, Nello Musumeci.

“Le salinelle di Paternò hanno bisogno di un immediato rilancio – si legge nella lettera aperta -. Un sito ed un patrimonio naturalistico gravido di storia e ricco di opportunità scientifiche che da troppi anni, vive in condizioni di abbandono e indifferenza. Le Salinelle di Paternò sono state umiliate da decenni di promesse e illusioni da una politica che se n’è servita tante volte per passerella elettorale. Riteniamo sia giunto il momento di restituire dignità e decoro ad un’area già riconosciuta come geosito dall’Assessorato al Territorio e Ambiente della Regione Siciliana e che potrebbe rappresentare un’opportunità di rilancio turistico determinante per Paternò.” E poi la richiesta al presidente Musumeci: “aiutare la città a recuperare un sito che scaccerebbe la rassegnazione e darebbe spazio ad un forte segnale di rinascita, sociale e turistica. Un beneficio per tutti, senza alcuna distinzione politica. La luce dopo il buio di questi anni. Al Presidente Musumeci ed al Governo abbiamo chiesto un atto di sensibilità.”

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti