Connect with us

Cronaca

Un morso ad un carabiniere per tentare di darsi alla fuga: arrestato spacciatore

Giovane in manette a San Giovanni Galermo, denunciati due familiari per minaccia, oltraggio e resistenza

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato il 25enne Eugenio Marchese per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

I militari, nel corso di un servizio di controllo del territorio in via Fratelli Gualandi, strada purtroppo tristemente nota nel quartiere di San Giovanni Galermo per essere meta di assuntori alla ricerca di dosi di sostanze stupefacenti, hanno notato un capannello di persone le quali, appena avvertita la loro presenza, si sono dati alla precipitosa fuga in più direzioni.

Marchese, in particolare, che portava con sé un borsello azzurro, è stato inseguito dai militari e bloccato dopo essere inciampato nella concitazione di quei momenti.

L’uomo, che ha opposto una veemente resistenza ai militari nel tentativo di divincolarsi dalla presa, ferendone addirittura uno con un morso al petto, è stato immediatamente spalleggiato da conoscenti e da alcuni familiari, i quali, contrastati dagli altri militari, hanno inveito nei loro confronti spintonandoli per evitare l’arresto.

Momenti di forte tensione terminati quando i carabinieri sono riusciti a far salire in auto l’uomo, conducendolo poi nelle caserma di San Giuseppe la Rena.

Effettuata quindi una più accurata perquisizione al borsello dell’uomo, i militari hanno trovato tre buste di plastica al cui interno erano contenuti circa dieci grammi di marijuana già “steccata” e pronta per la vendita, nonché 80 euro, mentre nelle altre due, 100 e 125 euro, tutti in banconote di piccolo taglio.

Marchese è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima, mentre due dei familiari intervenuti in suo favore sono stati denunciati per minaccia, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti