Connect with us

Cronaca

Auto divorata dalle fiamme in una piazzola di sosta lungo la Strada Statale 284

Sul posto i Vigili del Fuoco intervenuti per domare il rogo non hanno trovato gli occupanti del mezzo

Pubblicato

il

Solo tanta paura ma, fortunatamente, nessuna conseguenza per chi, venerdì notte intorno alle 4, viaggiava su una Ford Ka andata a fuoco improvvisamente, lungo la statale 284 in una piazzola di sosta al confine tra i territori di Santa Maria di Licodia e Paternò.

E il giorno dopo l’incendio, l’immagine dello scheletro dell’auto divorata dalle fiamme, rende l’idea, meglio di tanti racconti, della tragedia sfiorata. Il mezzo era diretto verso Catania, quando si presume che d’un tratto del fumo anomalo si sia sprigionato dal vano motore. 

Secondo una prima ricostruzione, pare che l’autista o chi era con lui, abbiano subito compreso quello che stava succedendo. Dopo aver fiutato il pericolo hanno bloccato il mezzo lungo la piazzola ed hanno abbandonato l’area. Visto il maltempo che imperversava in quelle ore, infatti, gli occupanti della macchina non sono stati ritrovati sul posto.

Probabilmente le fiamme sono risalite dalla turbina del motore provocando un incendio che poteva avere conseguenze drammatiche. A spegnere il rogo una squadra proveniente dal distaccamento di Paternò. 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti