Connect with us

Associazionismo

A lezione di civiltà: anziani ripuliscono l’esterno di “Casa Coniglio” a Paternò

Iniziativa dell’associazione “ViviSimeto”: primo di una serie di interventi da realizzare in paese

Pubblicato

il

Una lezione difficile da dimenticare, per la dignità, il senso civico, il messaggio di rispetto del bene comune che hanno lanciato, forse inconsapevolmente. Chini sulle scale, armati di scopa e paletta, hanno affrontato il freddo e non si sono sottratti neanche quando è stato il momento di dipingere di bianco una delle pareti che delimitano la struttura, deturpata da frasi e disegni volgari.

“Benvenuti a Paternò”, iniziativa in tema ambientale voluta dall’associazione “Vivisimeto” e coordinata dal Centro servizi per il volontariato etneo e dall’assessorato all’Ecologia del Comune di Paternò, ha preso ufficialmente il via con il primo intervento, di una serie di appuntamenti in programma fino al mese prossimo.

Ad aprire le attività l’associazione Alzheimer Paternò, concentratasi sull’area esterna di “Casa Coniglio”, in piazza della Fraternità, struttura adibita a Centro per anziani e a luogo di ritrovo per minori. Luogo purtroppo noto per esser stato, decine di volte, vittima di furti ed atti vandalici. In questa parte della città mancano i controlli, l’assenza delle Istituzioni è evidente.

In queste condizioni ai cittadini non resta che rimboccarsi le maniche ed arrivare dove gli altri non arrivano. Ed eccoli i volontari dell’associazione Alzheimer insieme ad un gruppo di anziani, impegnati a dare un nuovo volto ad una piccola porzione di quest’area. Eliminata l’immondizia è stato ridipinto completamente di bianco uno dei muri esterni, la prossima settimana si lavorerà per abbellirlo con un murales.

E questa non è l’unica attività in programma. Tante altre sono le iniziative che vedranno impegnate le associazioni, le scuole e semplici cittadini, con l’obiettivo di ripulire angoli di territorio e poter concretamente dire: “Benvenuti a Paternò”.

Associazionismo

Federcaccia, Romina Patanè prima donna a ricoprire l’incarico di Agente Ittico Ambientale.

Pubblicato

il

Successo per l’Architetto Romina Patanè , Coordinatrice per la Regione Sicilia delle Cacciatrici di Federcaccia, che supera brillantemente in Corso di Formazione per gli Agenti Ittici.
Si allarga così il gruppo delle Guardie di Federcaccia Catania, Dirette da Giuseppe Scandurra, che sono impegnate a 360 gradi sul Territorio della Città Metropolitana di Catania che si estende su circa 3574 Km2 dove vi è la presenza di 58 Comuni. L’attività formativa, autorizzata dalla Città Metropolitana di Catania, è stata basata su argomenti inerenti le leggi sulla pesca, il Regio Decreto 1604/31, l’attività di vigilanza e le modalità operative, i compiti della Polizia Giudiziaria, inoltre, particolare attenzione è stata data al nuovo regolamento sulla pesca redatto dalla Città Metropolitana di Catania.

A consegnare personalmente l’Attestato di Idoneità è stato Giuseppe Scandurra Direttore Responsabile delle Guardie Ittiche – Venatorie – Ambientali di Federcaccia Catania.
Oltre all’Architetto Romina Patanè, hanno superato il Corso anche Antonio Rao, già in possesso di Decreto Prefettizio, Andrea Carmelo Bucolo e Rosario Ivan Scalia. Soddisfazione è stata espressa da Nello Di Bella, Presidente Provinciale di Federcaccia Catania, per le varie attività poste in essere da Giuseppe Scandurra, Direttore Responsabile delle Guardie, anche in tema di Formazione Professionale che è riuscito a portare all’interno del gruppo, per la prima volta nella storia, la presenza Femminile.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti