Connect with us

In Primo Piano

La Procura di Catania sequestra oltre 2 milioni di euro alla ditta Dusty

Secondo l’accusa, per l’anno 2015, non sarebbero state versate allo Stato, le ritenuti dei lavoratori

Pubblicato

il

Omesso versamento di ritenute certificate e dovute. Con quest’accusa il Gip del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo etneo, ha emesso un provvedimento di sequestro di beni per 2,3 milioni di euro (con le somme trovate su conti correnti e depositi bancari), nei confronti della ditta “Dusty srl”, attiva nel servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Ad eseguire il provvedimento sono stati i finanzieri del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania.

Il provvedimento di sequestro, come evidenziano dalla Procura, nasce da un controllo automatizzato realizzato dall’Agenzia delle Entrate di Catania nei confronti della ditta “Dusty srl”, rappresentata legalmente da Maria Rosa Pezzino Geronimo, dal quale sarebbe emerso che, per l’anno d’imposta 2015, non sarebbero state versate all’erario ritenute operate e certificate nei confronti dei lavoratori dipendenti per un importo complessivo di 2.312.454 euro.

Il termine di adempimento per il versamento delle imposte dovute scadeva il 15 settembre 2016 e, da quanto rilevato presso l’Ente di riscossione regionale, la “Dusty Srl” è stata autorizzata al pagamento rateizzato del debito complessivo in 72 rate, delle quali risultano saldate solo le prime due, per un ammontare di circa 59 mila euro.

Gli accertamenti patrimoniali finalizzati all’individuazione delle disponibilità da sottoporre a vincolo reale sono stati condotti dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria, i quali hanno applicato la misura ablativa, su 4 rapporti bancari intestati alla società commerciale.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti