Connect with us

Eventi

Meno medaglie più diritti per i Vigili del Fuoco in sciopero davanti la sede di Catania

Al centro della protesta anche le problematiche che investono i distaccamenti di Adrano e Paternò

Pubblicato

il

Hanno protestato per ore davanti la sede di via Cesare Beccaria a Catania per rivendicare i propri diritti. Parliamo dei Vigili del Fuoco, che hanno aderito in massa allo sciopero provinciale indetto dall’Unione Sindacale di Base. Al centro del sit-in anche le problematiche che investono i distaccamenti di Adrano e Paternò.

«Le condizioni peggiorative del dispositivo di soccorso catanese – si legge in una nota diffusa da Carmelo Barbagallo, coordinatore regionale USB Vvf Sicilia – l’indifferenza delle istituzioni e le conosciute problematiche in cui sono costretti a lavorare i Vigili del Fuoco ( oltre le pacche sulle spalle, nulla più), il procastinarsi di interventi seri da parte di una amministrazione sorda ( vari sono stati i tentativi di conciliazione espletati) hanno costretto nuovamente la categoria a  protestare, a scioperare!». 

«È emblematico – continua Barbagallo – vedere visite istituzionali continue nel territorio che, allo stato attuale, hanno portato; promesse, pacche sulle spalle, medaglie e nulla più!». E per tali ragioni inascoltate, l’eco della protesta risuona sempre più forte.

Nel territorio siciliano, ma soprattutto catanese, serve investire urgentemente su, risorse, attrezzature e riclassificazione alla massima categoria: SD5. Il riferimento va alla sede di Paternò che copre un territorio vastissimo. E lo stesso discorso vale per Acireale, Riposto e Caltagirone. Così come bisogna fornire attrezzature ai distaccamenti ad alto rischio sismico. Vedi Adrano e Randazzo.

«Le problematiche sono molteplici, noi vogliamo, meno medaglie e più rispetto – conclude Barbagallo -. Noi Vigili del fuoco, non guadagniamo 6000 al mese, (soldi che forse solo in 4 mesi riusciamo a percepire). Chi dà notizie del genere, dovrebbe informarsi e non commettere certi errori, specialmente se rappresenta il popolo!». Con questo finale Barbagallo ne approfitta per lanciare una frecciatina all’onorevole Gianfranco Miccichè, reo di aver addebitato ai pompieri guadagni da capogiro.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiesa

Nel vivo il triduo pasquale, a Paternò raccontata la Passione e morte di Gesù

In un percorso scenico, di musica e ombre, nella Cappella del SS.Crocifisso una rappresentazione tutta da vivere

Pubblicato

il

I riti della settimana Santa entrano nel vivo. A Paternò, a causa della pandemia stop alle processioni, le diverse Parrocchie hanno, però, predisposto le funzioni per ripercorrere la passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo.

Tra gli eventi, la Cappella di Maria SS.Annunziata o del SS. Crocifisso, in via S.Caterina, nel cuore storico della città, ha organizzato una tre giorni, da giovedì Santo fino a domenica prossima. All’interno dei locali verranno riproposti i momenti più importanti della passione e morte di Gesù, attraverso una ricostruzione scenico-plastica e religiosa; sarà inoltre possibile ammirare il nuovo simulacro della “Mater dolorosa” in stile spagnolo (vedi il video).  Questi gli orari: giovedì, dalle ore 18.30 alle 21.30; venerdì, dalle ore 8 alle 12 e dalle 18.30 alle 21; infine domenica dalle ore 9.30 alle 12.30. La passione e morte di Cristo, un evento che per gli uomini del secondo millennio, alla luce della pandemia, assume nuovo significato.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti