Connect with us

Eventi

Santa Maria di Licodia, festa grande in città per i 100 anni di nonno Tano Erba

Circondato dall’affetto dei due figli, sei nipoti e dalla schiera di pronipoti ha spento le sue prime cento candeline

Pubblicato

il

Una vita intensa attraverso due secoli, quella di nonno Gaetano Concetto Erba, che nel giorno dedicato all’Immacolata ha tagliato l’incredibile traguardo di cento primavere, circondato dall’affetto della sua famiglia.

Un secolo portato splendidamente. La mente lucida e gli occhi vivi, infatti, non tradiscono la sua età. Come a dire cento anni e non li dimostra. Anzi il suo fisico forte e lo sguardo attento manifestano il desiderio di godere ancora del mondo che gli sta intorno con tutti i suoi cambiamenti.  

E di cambiamenti che hanno scritto la storia, nonno  Tano, – come lo chiamano tutti -, ne ha visti molti. Testimone della grande guerra, ha visto la nascita e la decadenza del fascismo, la fine della monarchia e l’avvento della repubblica. 

La vita non gli ha risparmiato certo grandi prove, come la prematura morte del padre, i 6  anni al fronte durante la seconda guerra mondiale e la prigionia in Africa. Fu in quel periodo che conobbe il dolore di perdere sotto i suoi occhi per un bombardamento tutti i suoi compagni di guerra. In quella occasione solo per una strana coincidenza rimase vivo.

Tornato a casa ha sempre lavorato, giorno dopo giorno, nelle sue proprietà terriere, in maniera instancabile fino a pochi anni fa. Il suo segreto di longevità sta, infatti, nella serenità d’animo, nella capacità di affrontare la vita con pazienza, in uno stile di vita sano e nel suo grande amore per la moglie Giuseppina (scomparsa alcuni anni fa) e la sua famiglia. Non ultimo, nella sua passione per i libri e la poesia.

E nel giorno del suo compleanno è stato festeggiato in pompa magna dai suoi 2 figli, dai 6 nipoti e dalla schiera di pronipoti per un totale di quattro generazioni a confronto, e sarà così fino al 7 gennaio, giorno ufficiale per l’anagrafe.

Dopo la partecipazione alla Santa Messa, celebrata da Padre Santino Salamone, sono arrivati gli auguri del sindaco, Totò Mastroianni, del vice sindaco, Mirella Rizzo e del presidente del Consiglio, Giovanni Buttò, che gli hanno consegnato una targa ricordo a nome della città. 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiesa

Nel vivo il triduo pasquale, a Paternò raccontata la Passione e morte di Gesù

In un percorso scenico, di musica e ombre, nella Cappella del SS.Crocifisso una rappresentazione tutta da vivere

Pubblicato

il

I riti della settimana Santa entrano nel vivo. A Paternò, a causa della pandemia stop alle processioni, le diverse Parrocchie hanno, però, predisposto le funzioni per ripercorrere la passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo.

Tra gli eventi, la Cappella di Maria SS.Annunziata o del SS. Crocifisso, in via S.Caterina, nel cuore storico della città, ha organizzato una tre giorni, da giovedì Santo fino a domenica prossima. All’interno dei locali verranno riproposti i momenti più importanti della passione e morte di Gesù, attraverso una ricostruzione scenico-plastica e religiosa; sarà inoltre possibile ammirare il nuovo simulacro della “Mater dolorosa” in stile spagnolo (vedi il video).  Questi gli orari: giovedì, dalle ore 18.30 alle 21.30; venerdì, dalle ore 8 alle 12 e dalle 18.30 alle 21; infine domenica dalle ore 9.30 alle 12.30. La passione e morte di Cristo, un evento che per gli uomini del secondo millennio, alla luce della pandemia, assume nuovo significato.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti