Connect with us

In Primo Piano

Gare regionali di nuoto, la Fin annuncia: «Si terranno nell’impianto di Paternò»

La struttura sarà gestita, per i prossimi 15 anni, dall’associazione “Body System group” di Giarre

Pubblicato

il

© Foto Etna News 24

Il dado è tratto. Nonostante la gara d’appalto non sia stata ancora ufficialmente affidata, è certo che a gestire la piscina comunale “Giovanni Paolo II” di Paternò, per i prossimi 15 anni, sarà la “Body system group” di Giarre, associazione che già oggi gestisce l’impianto di Corso Italia, grazie ad un affidamento temporaneo, avvenuto meno di un mese fa.

Come per la gara temporanea, anche per l’affidamento quindicennale, è stata una sola la proposta arrivata al Comune di Paternò.

Come detto, nonostante la busta non sia stata ancora aperta (per un problema determinato dall’assenza della dipendente della CUC, Centrale unica di committenza, l’apertura fissata per ieri è slittata a data da destinarsi), non ci sono dubbi, come conferma il sindaco di Paternò, Nino Naso, che a gestire la piscina sarà proprio la “Body System group”.

E per l’impianto natatorio arriva una bella notizia. A comunicarla è la FIN, la Federazione italiana nuoto che in una nota stampa evidenzia: «L’impianto etneo sarà la casa dei prossimi regionali. Una casa che promette di essere calorosa, affollata e degno scenario di numerosi appuntamenti da non perdere. Unica piscina a otto corsie disponibile da venerdì a domenica, la “Giovanni Paolo II”, grazie alla sinergia instaurata tra la Federnuoto Sicilia e il nuovo gestore, ospiterà dunque l’intera tornata dei campionati invernali.»

A determinare la novità, l’improvvisa indisponibilità della piscina di Caltanissetta.

E per le gare si comincia da subito. Tutti i fine settimana di febbraio saranno impegnati per le gare esordienti A e B, i master, le gare di categoria.

La notizia è stata accolta con soddisfazione dal sindaco Nino Naso che commenta: «Tutto questo nasce da un’intesa della FIN regionale con il gestore della nostra piscina; un gestore di eccellenza, Antonio Russo, della Body System group. Questo significa che per tutti i fine settimana verrà tanta gente in città, quindi significa lavoro per gli esercizi commerciali, per le strutture ricettive. Quindi significa sviluppo economico, turismo,  conoscenza della nostra città. Questi sono i risultati di un duro lavoro. Ci abbiamo lavorato tanto. Siamo riusciti ad aprire la piscina con tutti gli accorgimenti necessari.»

Per la città, dunque, ritorna una grande occasione che bisogna saper sfruttare.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti