Connect with us

Cronaca

Bronte, sicurezza scuole : in arrivo dal Miur 28 mila euro per la verifica statica dei solai

Controlli saranno effettuati nella scuola media Luigi Castiglione ed nei tre plessi del secondo circolo “Marconi”, “Mazzini” e “Sciarotta”

Pubblicato

il

Partirà a breve, a Bronte, una campagna di verifica sull’affidabilità statica dei solai di 4 edifici scolastici comunali. Grazie ad un finanziamento di 28 mila saranno effettuate verifiche nella scuola media Luigi Castiglione ed nei tre plessi del secondo circolo didattico “Marconi”, “Mazzini” e “Sciarotta”. Il finanziamento è stato possibile grazie ad un bando pubblicato dal Miur (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca) che ha chiesto ai comuni di candidarsi per finanziare i sondaggi ai solai.

<<E noi non abbiamo perso l’occasione –ha detto il sindaco di Bronte Graziano Calanna- Bisogna prevenire e fare le opportune verifiche. Per questo, appena pubblicato il bando, abbiamo subito presentato la nostra candidatura, che oggi è stata premiata dal Ministero>>. Il Miur infatti ha erogato 7000 euro ad istituto, una somma sufficiente per consentire ai tecnici di effettuare le indagini utilizzando strumentazione all’avanguardia. <<Questa è la dimostrazione – ha spiegato  l’assessore alle politiche scolastiche Chetti Liuzzo- della massima attenzione che l’amministrazione ha sempre rivolto verso il mondo della scuola. Tutto quello che potevamo ottenere in termini di finanziamento, lo abbiamo ottenuto>>.

Come spiega il vice sindaco Gaetano Messia si tratta di indagini su solai che permetteranno non solo di prevenire il rischio di crolli, <<ma anche per individuare la tipologia dei problemi. Così in futuro si potranno programmare interventi mirati senza più  sprecare più risorse con interventi di manutenzione generici>>. A breve quindi un team di tecnici effettuerà i saggi che forniranno al comune di Bronte un’analisi dettagliata sullo stato di salute dei solai e sulle loro criticità.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti