Connect with us

In Primo Piano

Calcio, Eccellenza: visita del Paternò agli studenti del comprensivo Don Milani

I componenti della squadra rossazzurra hanno dialogato con gli studenti, sensibilizzando quest’ultimi ad avvicinarsi al mondo dello sport

Pubblicato

il

Continuano le visite nelle scuole cittadine del Paternò, la  squadra di calcio che milita nel campionato di Eccellenza, attualmente al comando del girone <B>. Dopo l’incontro con gli studenti del primo circolo didattico <Lombardo Radice>  e con quelli della scuola media <Virgilio> una delegazione di giocatori e dirigenti della squadra di calcio si è recata presso l’istituto comprensivo <Don Milani>, ubicato lungo  Piazzale Civiltà del lavoro.  I componenti della squadra rossazzurra si sono soffermati a dialogare e a sensibilizzare gli studenti, sensibilizzando quest’ultimi  ad avvicinarsi al mondo dello sport locale, in questo caso, alla squadra di calcio.

Incontri utili a promuovere ed a far riscoprire il valore educativo dello sport ed il suo grande potenziale che non può e non deve essere ridotto a semplice educazione motoria o una semplice proposta finalizzata al risultato o all’affermazione della singola individualità. In questo caso, il calcio, viene proposto come attività concreta che richiede impegno, attraverso il quale è possibile apprendere condotte utili per la propria crescita personale.

Quindi lo sport come palestra di vita, così come la intende il presidente rossazzurro, Ivan Mazzamuto. La giornata della società calcistica è stata caratterizzata oltre che dall’iniziativa sociale anche dall’arrivo in squadra di due nuovi elementi, due juniores. Si tratta di Giuseppe Sottile,  attaccante, classe 2002, in prestito dalla Sicula Leonzio e di Samuel Aureliano,  centrocampista, classe 2002, in prestito dal Calcio Catania. Intanto anche oggi è proseguita la preparazione in vista della partita casalinga che il Paternò disputerà domenica alle 15 allo stadio Falcone-Borsellino contro il Palazzolo.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti