Connect with us

Cronaca

Spaccio di marijuana a Santa Maria di Licodia, in manette due pusher

I carabinieri da tempo seguivano i movimenti dei due giovani, fornitori di droga per il paese

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò, unitamente ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Sicilia”, hanno tratto in arresto Salvatore Cavallaro di 22 anni e Giuseppe Coco di 24, entrambi di Santa Maria di Licodia, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

SALVATORE CAVALLARO
GIUSEPPE COCO

I due giovani erano diventati oggetto dell’interesse investigativo dei militari, che li sospettavano essere rifornitori dei consumatori di marijuana di Santa Maria di Licodia. 

I militari quindi, posti i due arrestati sotto la loro attenta lente d’ingrandimento, avevano individuato un casolare abbandonato nella contrada Pulcino ove i giovani acquirenti, secondo una consolidata prassi, incontravano i due pusher per l’acquisto della droga.

Dopo aver verificato la cessione di sostanza stupefacente ad un acquirente, i carabinieri sono entrati in azione bloccando i due spacciatori e sottoponendoli anche ad una perquisizione domiciliare a seguito della quale venivano rinvenute 26 dosi di marijuana, già suddivise per la vendita al minuto, due bilancini di precisione, il relativo materiale utilizzato per il confezionamento, nonché 295 euro ritenuti provento dello spaccio.

Nella medesima operazione l’acquirente 24enne della droga è stato segnalato alla Prefettura di Catania quale “assuntore”, mentre i due arrestati sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti