Connect with us

Cronaca

Santa Maria di Licodia e Firenze unite dalla figura dell’avvocato Salvatore Battaglia

A 120 anni dalla sua morte la città di Firenze gli ha dedicato una epigrafe per celebrare l’uomo politico vicino a Mazzini

Pubblicato

il

Santa Maria di Licodia e Firenze unite dalla figura dell’avvocato Salvatore Battaglia (1843-1900). 

Uno tra i tanti personaggi storici rimasti – come spesso accade – a lungo nell’ombra, pur avendo segnato in modo profondo i destini e i costumi della nazione.

Va al grande lavoro di ricerca svolto, alcuni anni fa, dal professore Luigi Sanfilippo, docente dell’Università di Catania, pubblicato sulla rivista “Incontri”, il merito di avere attribuito nuova misconosciuta luce al licodiese Battaglia, mazziniano e politico internazionalista di rilievo.

Una figura dal notevole impegno che il professore Sanfilippo, delinea in sintesi riprendendo stralci di documenti storici così: «Il corrispondente della cronaca dei solenni funerali di Giacomo Maggiore, oltre al cordoglio collettivo,   riferisce degli apparati commemorativi allestiti anche ,tra gli altri, presso la sede della “Società Operaia” licodiese, sodalizio riconducibile a Salvatore Battaglia e agli eredi della tradizione riformista, presente fin dai benedettini così come documenta il Biscari. Un filo ideale e temporale che lega l’impegno politico e sociale del Battaglia al sindaco Francesco Puglisi, il De Felice locale, all’avvocato Orazio Fiorito, socialista democratico, fino al fenomeno della ” lista Colomba”, una via locale al socialcomunismo che ebbe nel sindaco Salvatore Samperi il massimo rappresentante». 

«Una memoria che, a suo tempo, – tiene a sottolineare il prof. Sanfilippo – spinse i licodiesi più attenti a dedicare una via all’illustre concittadino l’avv.Salvatore Battaglia, la stessa memoria che l’attuale Amministrazione ora  insieme alla città di Firenze  tengono viva».

Per celebrare l’illustre cittadino, nel 2013, a 170 anni dalla sua nascita, l’Amministrazione Mastroianni installò, dopo una breve cerimonia commemorativa, una nuova epigrafe lungo l’omonima via del piccolo centro etneo.

E ieri, la città di Firenze ha voluto dare pieno riconoscimento all’avvocato Battaglia, per essere stato anche protagonista della vita culturale fiorentina, con la posa di un’epigrafe nella centrale via Bardi, al civico 16, dove visse fino alla fine dei suoi giorni.

Per l’occasione si è tenuto un incontro al Museo Bardini, alla presenza del prof. Valdo Spini, del vicesindaco di Firenze, Cristina Giachi e della pronipoti di Battaglia, Simonetta e Raffaella.

«L’Amministrazione licodiese – ha dichiarato il vicesindaco con delega alla cultura, Mirella Rizzo – con un atto d’indirizzo è stata orgogliosa di partecipare con la città di Firenze al pieno riconoscimento del nostro illustre concittadino».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Belpasso, incidente stradale: Alfa 147 finisce fuori strada, feriti i due occupanti

Marito e moglie, a bordo dell’auto incidentata, sono stati condotti negli ospedali del catanese: non gravi le loro condizioni

Pubblicato

il

Avrebbe potuto avere conseguenze più drammatiche l’incidente stradale che nel pomeriggio di oggi, poco prima delle 17.30, si è registrato sulla statale 121, in direzione Paternò subito il centro commerciale <Etnapolis>, a pochi metri dal cavalcavia <Graci>. Per cause in corso di accertamento due autovetture si sono scontrate.

Si tratta di una Seat Leon, con a bordo una coppia di Adrano e una Alfa 147, la quale è uscita fuori strada, finendo cappottata con le ruote in aria, nel terreno che costeggia la statale. All’interno dell’auto marito e moglie, rispettivamente di 29 e 28 anni di Biancavilla. A soccorrere, per primi, la coppia dell’auto finita fuori dalla sede stradale, alcuni automobilisti in transito che hanno aiutato le due persone ad uscire dall’abitacolo. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del comando provinciale, due ambulanze del 118 e i carabinieri della compagnia di Paternò che hanno effettuato i rilievi del caso e disciplinato anche il traffico sulla SS 121.

A scopo  precauzionale è stato fatto giungere sulla statale anche l’elisoccorso: rientrato però successivamente alla base. I due feriti sono stati condotti dapprima all’ospedale Santissimo Salvatore di Paternò; successivamente trasferiti nei nosocomi del capoluogo etneo. L’uomo al Garibaldi “Centro”, mentre la ragazza al Cannizzaro. Le loro condizioni non sarebbero gravi. Ferite lievi, invece, per gli occupanti della Seat i quali, con propri mezzi, si sono recati in uno degli ospedali della zona. Il traffico veicolare è andato a rilento per ore. Una lunga fila di macchine si è creata in entrambe le direzioni di marcia: da una parte(quella verso Paternò) a causa dell’incidente; dall’altra( direzione Catania) si è proseguito a passo d’uomo a seguito della curiosità mostrata dagli automobilisti che hanno rallentato, o addirittura arrestato la propria marcia, solo per guardare ciò che fosse successo sull’altra corsia.

Continua a leggere

Cronaca

Belpasso, incendio in abitazione a seguito fuga di gas: lievi ustioni per una 88enne

Tragedia sfiorata in via Mazzini per via di un rogo divampato in cucina poco dopo le 12.30: sul posto i pompieri di Paternò

Pubblicato

il

Una donna di 88 anni è rimasta leggermente ustionata, nel corso dell’incendio sviluppatosi, nella tarda mattinata di oggi,poco prima delle 12.30, all’interno della propria casa, ubicata in via Mazzini, nel rione Borrello. Da quanto si apprende l’incendio sarebbe partito a seguito di una fuga di gas dalla bombola collocata in cucina; successivamente, per cause in fase di accertamento, si sarebbero sviluppate le fiamme. Immediatamente sono scattati i soccorsi allertati da altre persone che in quel momento si trovavano dentro la donna.

Sul posto gli uomini del 115 del distaccamento di Paternò e una squadra proveniente dal comando provinciale di Catania. L’intervento dei pompieri ha permesso di limitare i danni: portate via dalla zona dell’incendio 4 bombole per evitare ulteriori fiammate.  Le operazioni di spegnimento e di bonifica si sono concluse poco dopo le 15. Le fiamme hanno distrutto la cucina, nonche danneggiate altre stanze dell’appartamento al punto tale che i pompieri, al termine del sopralluogo, hanno dichiarato inagibile la zona dell’immobile interessata dal rogo. A soccorrere l’anziana anche il personale medico del 118 che ha medicato sul posto la ferita, la quale non avrebbe riportato ferite di una certa rilevanza. Presenti anche agenti della locale polizia municipale che hanno regolato il traffico veicolare lungo via Mazzini.

Continua a leggere
Advertisement

Trending

Etna News 24 è realizzato da Nero su Bianco Edizioni
Testata in attesa di registrazione al Tribunale di Catania