Connect with us

Cronaca

Biancavilla, i carabinieri ritrovano un miniarsenale e 1 kg di marijuana

A ritrovare il miniarsenale e la droga sono stati i militari dell’Arma della Compagnia di Paternò e della Stazione di Biancavilla

Pubblicato

il

Da sinistra: Salvatore e Fabrizio Distefano

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò e della Stazione di Biancavilla, con il supporto dei colleghi dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia”, hanno arrestato i fratelli biancavillesi Fabrizio Distefano, di 28 anni e Salvatore di 37, accusati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, detenzione di armi e munizionamento clandestini e detenzione illegale di armi da guerra.

L’attività dei carabinieri è scattata a Biancavilla, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti ed al consumo di droga tra i giovani. Per i fratelli Distefano prima una perquisizione nell’auto, scattata ad un posto di blocco e poi, una perquisizione domiciliare, nelle abitazioni dei due, in via Albania. Qui sono state ritrovate armi e droga, occultati nei posti più impensabili.

Nell’abitazione di Salvatore i carabinieri hanno, infatti, ritrovato 3 pistole a salve marca Bruni da 8 mm., già smontate ed in attesa di modifica, oltre a diverse attrezzature necessarie per la loro alterazione. Ritrovato anche diverso munizionamento: 50 munizioni calibro 7.65; 22 munizioni calibro 38; 3 cartucce “remington” calibro 12 a pallettoni; 2 proiettili 44 “magnum”; 1 una cartuccia calibro 30 luger “norma” con proiettile full metal jacket.

Il ritrovamento delle armi ha portato i carabinieri ad approfondire le ricerche, grazie alle quali è stata trovata una pistola Beretta calibro 7.65 con matricola abrasa, occultata all’interno del carter di una cyclette da camera. Trovata anche un’altra pistola a salve, analoga alle altre trovate, già modificata e pronta a sparare, nascosta all’interno di un sacco di cemento in polvere.

In casa di Fabrizio Distefano, è stato trovato e sequestrato un chilogrammo di marijuana, circa 5 grammi di hashish, un bilancino di precisione e materiale utilizzato per la vendita della droga al minuto, oltre alla somma di 1000 euro, ritenuta provento dello spaccio di stupefacenti.

Gli arrestati sono stati portati nel carcere catanese di Piazza Lanza.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti