Connect with us

Cronaca

Biancavilla, primo caso di coronavirus in città: in provincia sono 108 i contagiati

Nella cittadina biancavillese una donna di mezza età sarebbe risultata positiva: adesso si trova in isolamento domestico

Pubblicato

il

A meno di smentite dell’ultima ora a Biancavilla si sarebbe registrato il primo contagio da coronavirus. Si tratterebbe di una donna di mezza età che, condotta in ospedale, sarebbe risultata positiva. La signora, in considerazione dello stato di salute giudicato buono, sarebbe stata dimessa e portata a casa, dove la paziente resterà in isolamento. A comunicarlo sarebbe stata la stessa donna attraverso lo “stato” pubblicato su WhatsApp visibile dai suoi contatti in rubrica. “Avviso tutti quelli che sono stati con me ultimamente sono positiva- si legge nel messaggio – al Coronavirus che se avete sintomi chiamate subito il numero regionale, e riferite di essere stati in contatto con un caso certo”.

Intanto sono 237 le persone positive in Sicilia, 24 in più di ieri. Cresce, pertanto, anche sull’Isola il numero dei contagiati da coronavirus. I dati sono aggiornata alle 12 di oggi. Dall’inizio dell’emergenza i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento, ossia i Policlinici di Palermo e Catania sono 2.916, mentre 237 campioni sono stati trasmessi all’Istituto superiore di sanità.  Risultano ricoverati 114 pazienti, di cui 28 in terapia intensiva mentre 112 sono in isolamento domiciliare, otto sono guariti e quattro deceduti. L’ultima a morire, oggi, una donna anziana a Leonforte. Nella sola provincia di Catania si  sono registrati 108 casi positivi. Complessivamente  in Italia sono 26.062 i soggetti contagiati,2989 in più rispetto a ieri. A questi si  aggiungono 2.941 guariti, 192 in più, e 2.503 decessi, 345 in più da ieri. Il tutto è stato illustrato dal commissario all’emergenza Angelo Borrelli. Si raggiunge quota 31.506 casi, una crescita di 3.526, superiore a quella di ieri.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti