Connect with us

Cronaca

Catania, fontana di lava ed emissione di cenere: l’Etna da spettacolo

L’attività eruttiva è iniziata intorno alle 08.30: poco prima di mezzogiorno l’attività di fontana di lava si è attenuata fino a cessare

Pubblicato

il

foto: B. Behncke

Etna in attività dalla mattinata di oggi con fontana di lava e intensa emissione di cenere. In particolare l’attività eruttiva è iniziata intorno alle 08.30 con l’avvio di una attività stromboliana al “cono della sella” del nuovo cratere di sud-est. A partire dalle 09.15 si è gradualmente evoluta in una fontana di lava. L’attività ha generato l’emissione di un pennacchio di cenere che nelle fasi iniziali era piuttosto blanda e poi è progressivamente aumentata di intensità a partire dalle 10.45 circa. La cenere è ricaduta sul versante orientale del vulcano  per la maggior parte in Valle del Bove e sono state segnalate ricadute di materiale fine anche sull’abitato di Zafferana Etnea e Piedimonte Etneo. Inoltre gli esperti dell’Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia hanno appurato la presenza di una sorta di colata lavica: si trattava di un accumulo e successivo rotolamento sui fianchi del cono del nuovo cratere di sud-est di material piroclastico emesso durante le fasi di fontanamento.

Tuttavia poco prima di mezzogiorno la sala operativa dell’Ingv ha osservato, attraverso  la rete di telecamere di sorveglianza, che l’attività di fontana di lava si è gradualmente attenuata fino a cessare. Anche la cospicua emissione di cenere, che ha generato un pennacchio che si è innalzato fino a circa 5 km di altezza dai crateri spinto verso i quadranti orientali del vulcano dai venti dominanti, si è progressivamente attenuato.  Infine si segnala che continua, con modeste fluttuazioni, l’attività stromboliana al cratere voragine, iniziata nel settembre 2019.  Al momento causa il peggioramento delle condizioni meteo dell’area sommitale le osservazioni si basano sulle osservazioni strumentali delle reti di monitoraggio. Dal punto di vista sismico, l’evento è stato annunciato da un rapido aumento del tremore vulcanico a partire delle ore 7.40  che ha raggiunto il livello energeticamente più forte intorno alle ore 9. Le sorgenti del segnale vengono localizzate nell’area del Nuovo Cratere di Sud Est a profondità superficiali. Attualmente l’ampiezza del tremore è in via di diminuzione. L’episodio è stato accompagnato da una notevole attività infrasonica, anch’essa in fase di decremento. La rete GPS non ha mostrato alcuna variazione significativa. Non si sono registrati fino adesso problemi all’operatività dello scalo aereo di Fontanarossa.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti