Connect with us

Cronaca

Covid-19, in Sicilia situazione stabile: meno ricoveri e più guariti

Nella provincia di Catania massima attenzione ai casi positivi, registratesi nell’ospedale di Biancavilla: sono 12 i contagi fino adesso accertati

Pubblicato

il

In Sicilia sono 2.143 le persone attualmente positive al coronavirus, 20 in più rispetto al giorno precedente. Una situazione stabile, con meno ricoveri e più guariti. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 73.008 (+2.358 rispetto a ieri), su 68.729 persone: di queste sono risultate positive 3.120 (+35), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.143 (+20), 745 sono guarite (+14) e 232 decedute (+1). Degli attuali 2.143 positivi, 462 pazienti (-13) sono ricoverati – di cui 34 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.681 (+33) sono in isolamento domiciliare.

A Catania  i casi positivi sono 670,+ 7 rispetto a ieri. Sono 106 i ricoverati,  sale il numero dei soggetti guariti, dai 218 di ieri si passa ai 220 di oggi. Nelle ultime ore si registra un solo decesso: sono 81 le persone morte.  Nella provincia etnea l’attenzione massima è concentrata sui casi da Covid-19 che stanno emergendo all’interno dell’ospedale Maria Santissima Addolorata di Biancavilla. Sono saliti a 12, infatti, i casi positivi: ai nove registratesi negli ultimi giorni (un medico, 6 infermieri, un ausiliario e una degente) si vanno ad aggiungere due operatori di una ditta esterna e un medico. Ad Adrano vista l’emergenza coronavirus  la caserma dei vigili del fuoco del distaccamento adranita dalle 18  di  stasera fino alle ore 8 di domani non è operativa. L’intera squadra dei pompieri in servizio dalle ore 8 di  stamattina è stata inviata a casa in  isolamento domiciliare.  A comunicare il fatto Carmelo Barbagallo, coordinatore regionale USB Vigili del fuoco Sicilia. In sostanza uno dei componenti della squadra dei vigili del fuoco avrebbe avuto contatti con un soggetto affetto da Covid. In  via  precauzionale è stata decisa  la  sospensione  temporanea  dal  servizio  per  il  personale.

A Catania sono state consegnate 835.600 mascherine da parte della Regione Siciliana a tutti i comuni della provincia e distribuite dalla Protezione Civile. Sono stati istituiti 4 Centri di distribuzione (Paternó, Giarre, Caltagirone, San Giovanni la Punta) dove ogni referente comunale può ritirare la propria fornitura. Alla città di Paternò sono state  consegnate  57.000 mascherine, mentre a quello di Belpasso 33.700 mascherine.

L’Italia supera la soglia dei 200 mila contagiati totali, vale a dire gli attualmente positivi al coronavirus, le vittime e i guariti. Ad oggi sono infatti 201.505, con un incremento rispetto a ieri di 2.091. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile. L’aumento ieri era stato di 1.739. Si conferma il calo dei malati per coronavirus. Sono complessivamente 105.205, 608 meno di ieri. La diminuzione ieri era stata di 290. Sono salite a 27.359 le vittime  con un incremento di 382 in un giorno. Ieri l’aumento era stato di 333. Sono 68.941 i guariti con un incremento rispetto a ieri di 2.317. L’aumento ieri era stato di 1.696. Prosegue ancora il trend in calo dei ricoveri in terapia intensiva: ad oggi sono 1.863, 93 in meno rispetto a ieri. Dei 105.205 malati complessivi, 19.723 sono ricoverati con sintomi, 630 in meno rispetto a ieri, e 83.619 sono quelli in isolamento domiciliare.

 

 

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti