Connect with us

Cronaca

Covid-19, in Sicilia il contagio resta stabile: record di tamponi eseguiti in 24 ore

Il governatore siciliano ha firmato l’ordinanza che avvia la fase che porterà ad una graduale riapertura

Pubblicato

il

In Sicilia record di tamponi (oltre 4300 in 24 ore), ma il contagio rimane stabile: tornano a salire invece i decessi dovuti all’epidemia da coronavirus. Questo  il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle 17 di oggi. Sono complessivamente 2.157 le persone attualmente positive, 12 in più di ieri. Ancora in calo il numero dei pazienti ricoverati in ospedale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 79.669 (+4.309 rispetto a ieri), su 74.541 persone: di queste sono risultate positive 3.166 (+26), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.157 (+12), 774 sono guarite (+11) e 235 decedute (+3). Degli attuali 2.157 positivi, 441 pazienti (-8) sono ricoverati – di cui 33 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.716 (+20) sono in isolamento domiciliare. A Catania resta stabile sia il  numero dei contagi (allo stato attuale sono 665), sia quello delle persone guarite(225 le persone che hanno vinto la battaglia contro il Covid). Calano i ricoveri: sono 97 meno due rispetto a mercoledì;  aumenta purtroppo il numero dei morti: dagli 81 di ieri si passa agli 83 di oggi.  A Biancavilla il sindaco Antonio Bonanno ha comunicato che sono arrivati i risultati di altri 70 tamponi effettuati al personale medico dell’ospedale Maria Santissima Addolorata. Tamponi tutti negativi. Allo stato attuale sono 12 i soggetti tra medici infermieri, ausiliari e paziente risultati affetti da Covid-19. A Misterbianco la commissione straordinaria nominata dal  Prefetto di Catania ha comunicato che in città sono presenti  18 persone affetti da Covid, di cui 5 ospedalizzate e 13 a domicilio (delle persone a domicilio 6 sono state dichiarate guarite, mentre delle persone ricoverate in ospedale 2 sono decedute nelle ultime 24 ore.

Proseguono a Paternò la distribuzione dei buoni spesa alle famiglie in difficoltà, causa emergenza coronavirus. Entro la prossima settimana sarà completata la consegna dei buoni. Rimarranno fuori per il momento diversi nuclei familiari che potranno successivamente usufruire dei buoni delle Regione Siciliana. Il primo cittadino Nino Naso, nel corso di una conferenza stampa, ha illustrato il lavoro svolto dai servizi sociali . In particolare sono stati distribuiti fino adesso 9000 buoni spesa per circa 1400 nuclei familiari. Sono state oltre 3500 le istanze giunte al comune di Paternò: da premettere che parte di esse sono state inoltrate da più componenti della stessa famiglia. Pertanto non si conosce ancora il reale numero di  coloro che hanno ricevuto e che dovranno ricevere i buoni spesa ne tanto meno il totale delle famiglie  che sono state estromesse. Nell’assegnazione dei buoni spesa è stata data priorità alle famiglie che hanno dichiarato di avere un reddito zero. Non solo fondi statali ma anche i privati hanno contribuito nel sostegno alle fasce deboli della popolazione. In particolare oltre 700 famiglie sono state raggiunte con la spesa grazie al “Carrello  Solidale” e alle donazioni di imprenditori del posto. Ed ancora a questi si aggiungono buoni distribuiti con fondi comunali pari a 5000 mila euro e quelli dell’AMA pari a 1500 euro, nonche buoni farmacia, della “rete bambino” e di altre associazioni.

Intanto il governatore Nello Musumeci ha avviato la fase che porterà ad una graduale riapertura. L’ordinanza, firmata oggi e in vigore dal 4 al 17 maggio, si muove all’interno delle linee guida fissate da Roma, seppure con qualche “forzatura”.  Viene permesso alle famiglie di potersi trasferire nelle seconde case, a patto che non facciano la spola con la principale abitazione, ma vi rimangano per la stagione.  Disco verde anche per l’asporto ai ristoranti, pasticcerie, gelaterie, bar e pub, con il divieto di consumare nei locali e nelle adiacenze. Si può accedere al cimitero e acquistare fiori e piante. Un’attenzione, nell’ordinanza, anche verso gli animali da affezione per i quali sarà consentita la tolettatura. Novità pure per le società sportive che sono autorizzate a iniziare attività amatoriali di corsa, tennis, pesca, ciclismo, vela, golf ed equitazione. Rimangono congelate le limitazioni all’accesso nell’Isola almeno fino al 17 maggio. In quella stessa data il governatore Musumeci spera anche di strappare al premier Giuseppe Conte il permesso di riaprire le loro botteghe ai parrucchieri per uomo e per donna. Restano invariate le disposizioni relative all’obbligo di quarantena.

In Italia sono  75.945 i guariti dal coronavirus  con un incremento record di 4.693 rispetto a ieri. E’ l’aumento maggiore dall’inizio dell’emergenza. Oggi anche calo record in un solo giorno dei malati. Sono scesi a 101.551, con un decremento di 3.106 in 24 ore. Non si arresta l’ormai stabile da settimane trend in calo dei ricoveri in terapia intensiva:  ad oggi sono 1.694, 101 in meno rispetto a ieri. Dei 101.551 malati complessivi, 18.149 sono ricoverati con sintomi, 1.061 in meno rispetto a ieri, e 81.708 sono quelli in isolamento domiciliare, 1.944 meno di ieri. Purtroppo continuano ad aumentare le vittime, salite a 27.967 con un incremento di 285 in un giorno.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti