Connect with us

Cronaca

Castiglione di Sicilia, case al buio per un furto di cavi: in manette un paternese

I militiari dell’Arma hanno arrestato Giovanni Sambataro,56 anni: l’uomo avrebbe fatto parte di una banda dedita al furto di “oro rosso”

Pubblicato

il

Arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Randazzo, Giovanni Sambataro, 56 anni,residente a Paternò: l’uomo è accusato di furto aggravato in concorso. La recrudescenza del fenomeno dei furti di rame, il cosiddetto “oro rosso”, ha certamente reso ancora più drammatica la quarantena dei cittadini di Castiglione di Sicilia e dei paesi limitrofi del giarrese, costretti in casa dal coronavirus, nonché privati anche della corrente elettrica. I militari dell’Arma, in meno di 40 giorni, hanno dovuto raccogliere le denunce per addirittura 8 episodi di furti consumati nei comuni della fascia ionica. Per contrastare il fenomeno i carabinieri hanno anche installato delle fotocamere occultate nei punti nevralgici. Nel contempo l’ENEL per scongiurare i furti di cavi in rame ha annunciato la sostituzione di quest’ultimi  con tecnologia in acciaio.

I servizi di perlustrazione svolti dai carabinieri hanno prodotto un risultato positivo con l’arresto dell’uomo. La notte scorsa è scattato l’allarme relativo alla mancanza di energia elettrica in un’abitazione della frazione di Mitogio, con le conseguenti lagnanze dei residenti. Sul posto sono giunte diverse pattuglie che già si trovavano in quella zona e sono riusciti a sorprendere 4 uomini che stavano armeggiando attorno alle palificazioni elettriche. Nell’immediatezza dei fatti tre di loro sono fuggiti nascondendosi nella boscaglia, mentre il quarto soggetto è stato bloccato ed ammanettato dai carabinieri che hanno rinvenuto 750 metri di cavi di rame già rubati. La perquisizione dell’autovettura Skoda Fabia SW utilizzata dal gruppo, inoltre, ha consentito ai militari di rinvenire tutta l’attrezzatura necessaria per l’asportazione nonché, tra l’altro, 3 coltelli con lama di 9 centimetri ed una pistola ad aria compressa, perfetta riproduzione di un’arma da fuoco.Sambataro è stato messo agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria, mentre sono in corso le indagini per l’identificazione dei complici.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti