Connect with us

Cronaca

Paternò, Santissimo Salvatore: l’ASP aggiudica altri lavori per l’ospedale

Si tratta di un intervento destinato a ripristinare la trave-solaio dei locali sottostanti il centro trasfusionale

Pubblicato

il

Importanti novità in arrivo per l’ospedale Santissimo Salvatore di Paternò. Infatti la Direzione Strategica dell’Asp di Catania ha approvato l’aggiudicazione dei lavori per il ripristino delle trave-solaio dei locali sottostanti il Centro Trasfusionale del nosocomio paternese .Sono adesso in corso le verifiche tecniche e amministrative preliminari alla sottoscrizione del contratto. L’intervento, per un importo di oltre 60 mila euro, è propedeutico alla gara integrata per la realizzazione del nuovo Laboratorio Analisi, in corso di predisposizione. Questi nuovi lavori si aggiungono a  quelli già aggiudicati relativi alla realizzazione del nuovo pronto soccorso (per oltre un milione di euro) e alla ristrutturazione dei locali a piano terra da destinare a morgue (per oltre cento mila euro). Anche per questi interventi sono attualmente in corso le verifiche tecniche e amministrative di rito, previste dalla normativa, prima della sottoscrizione dei contratti.

Per  domani, è prevista una riunione operativa, in vista dell’avvio di tutti i cantieri, finalizzata alla riorganizzazione dei servizi ospedalieri in modo da garantire la continuità delle prestazioni sanitarie ai cittadini. L’avvio dei tre cantieri è previsto entro la fine del mese di giugno. Soddisfazione e gratitudine per il conseguimento degli obiettivi, secondo i programmi illustrati ai rappresentanti istituzionali del territorio nel corso dei briefing periodici, è espressa dalla Direzione Strategica al direttore dell’Ufficio Tecnico aziendale, ing. Francesco Alparone, e ai suoi collaboratori. Sono intanto chiusi i termini per la gara di aggiudicazione dei lavori per la realizzazione della nuova Farmacia Ospedaliera. Si sta adesso procedendo con l’apertura delle buste.

 

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti