Connect with us

Cronaca

Adrano, morto un camionista 40enne agli arresti domiciliari: indaga la polizia

Per fare chiarezza sul decesso dell’uomo si attende l’autopsia: gli agenti del locale commissariato non escludono alcuna ipotesi

Pubblicato

il

Indagini a 360 gradi da parte degli agenti del commissariato di Adrano per fare chiarezza sulla morte di Salvatore Marcellino, il camionista 40enne di Adrano, trovato cadavere, nella prima mattinata di ieri, all’interno della propria villetta ubicata in contrada Dagala, nel territorio adranita.  Gli inquirenti anche questa mattina proseguono negli interrogatori di partenti e amici del camionista, rinvenuto morto nell’area a verde della villetta sotto un albero di ulivo.  A scoprire il cadavere, nella prima mattinata di ieri, la mamma e la suocera della vittima. Le due donne sono arrivate insieme al corriere di un negozio di arredamento che doveva consegnare i mobili della camera da letto.Sul posto la polizia di stato del locale commissariato. Presente il sostituto procuratore Alfio Fragalà, ed il medico legale Francesco Amico. Da una prima ispezione cadaverica, il coroner avrebbe rilevato la presenza di ecchimosi sulle braccia e sul volto. A fare chiarezza, adesso ci penserà l’autopsia.

La salma è stata portata al Policlinico di Catania. I poliziotti stanno visionando le immagini registrate dalle telecamere del sistema di video sorveglianza presenti nella zona. Marcellino si trovava ai domiciliari in quanto, secondo quanto appurato dalle forze dell’ordine di Messina,il 40enne  sarebbe stato protagonista di un aggressione,avvenuta nel novembre dello scorso, ai danni di un collega autotrasportatore. La ricostruzione effettuata dai poliziotti delle volanti  hanno permesso di stabilire che tra Marcellino e la vittima sarebbe scaturita una violenta lite a causa di un sorpasso azzardato operato dal primo e di cui l’altro avrebbe chiesto  spiegazioni. Durante la colluttazione tra i due il 40enne camionista  adranita avrebbe estratto un coltello da giardinaggio ferendo il collega in modo non grave.

 

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti