Connect with us

Cronaca

Donna denuncia maltrattamenti, ad Adrano, ex compagno ed ex marito in manette.

Ad arrestarli i carabinieri della Stazione adranita. I due ex al momento si trovano agli arresti domiciliari.

Pubblicato

il

Una storia d’amore finita, un ex che tenta di riallacciare i rapporti, lei che non vuole saperne, lui la minaccia e a difenderla interviene l’ex marito. Storia contorta quella consumatasi ad Adrano, dove protagonisti sono due uomini, entrambi, ormai, ex della vittima.

Tutto comincia quando al 112, il numero di pronto intervento, arriva una chiamata d’aiuto. Al telefono c’è una donna di Adrano, ai carabinieri racconta che l’ex compagno l’ha minacciata e chiusa in casa. Preso l’indirizzo dell’abitazione, sul posto sono subito arrivati i militari dell’Arma della Stazione adranita.

Al loro arrivo, in casa dell’ex compagno della donna, che gli animi erano surriscaldati i carabinieri lo hanno capito subito. Da qui il racconto della vittima che ha raccontato di essere stata invitata in quella casa dai familiari del suo ex, per un tentativo di riappacificazione. Al suo no, l’ex compagno, l’avrebbe minacciata, dicendole <<… tu non esci da qua se non con me, ti rovinerò la vita, non ti farò uscire più da casa e ti farò togliere le figlie! …>>.

Portati entramti in caserma per la denuncia di lei e l’arresto di lui, arriva il colpo di scena. In caserma si presenta, infatti, l’ex marito della donna, inferocito contro l’ex compagno di lei. Fermato all’ingresso della caserma, l’uomo si è imbattuto nel fratello del presunto aggressore dell’ex moglie e tra i due è scoppiata una lite.

Da qui l’arresto dell’ex compagno della donna, 38 anni, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e violenza privata; e dell’ex marito, 39 anni, accusato di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Entrambi agli arresti domiciliari, sono in attesa delle decisione dell’Autorità giudiziaria.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti