Connect with us

Cronaca

Etna, lo spettacolo continua: 14esimo parossismo caratterizzato da forti boati

Attività durata diverse ore e conclusasi poco prima delle 7.30 di questa mattina.

Pubblicato

il

foto pagina Facebook IngvVulcani

Etna ancora in movimento con il 14simo evento parossistico andando in scena questa notte, sempre dal cratere di sud-est.  Attività parossistica durata diverse ore e conclusasi poco prima delle 7.30 di oggi. Anche in questa circostanza  il fenomeno è stato caratterizzato da fontana di lava, emissione di cenere eruttiva, ricaduta sul versante sud-orientale del vulcano, boati uditi a grande distanza e una colata lavica che si è diretta verso la parte occidentale della desertica Valle del Bove. Gli esperti dell’Ingv hanno accertato che l’ampiezza del tremore è tornata  a livelli medi, mentre le sorgenti sono state localizzate nel cratere di sud-est ad una profondità di circa 2000 metri. Il segnale infrasonico non ha rilevato attività vulcanica.

L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha rilevato l’esistenza di una  moderata attività stromboliana. A causa della copertura nuvolosa l’osservazione dell’attività è stato molto limitata e discontinua. L’evento di questa notte è stato accompagnato da violenti boati che hanno fatto tremare infissi e svegliato persone che abitano nei paesi alla pendici dell’Etna. Un fenomeno dovuto all’emissione di gas dai crateri sommitali che rientra nella tradizionale attività del vulcano e che ha a provocato tanta apprensione tra i cittadini residenti nei comuni ai piedi dell’Etna.

“Niente di preoccupante –spiega il vulcanologo Boris Behncke sulla propria pagina “Facebook “- I boati sono segni che su in cima all’Etna stanno esplodendo bolle di lava, in un’atmosfera piuttosto umida e nuvolosa, che amplifica i suoni. Le onde di compressione causate dalle esplosioni fanno tremare vetri, porte, serrande, insomma, tutto ciò che può tremare. Ma finisce qui, i boati non sono segno di qualcosa di terribile che sta per avvenire”.  Il nuovo parossismo del vulcano non ha inciso sull’operatività dell’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti