Connect with us

In Primo Piano

ASU: addio al precariato; in Sicilia si volta pagina per circa 5 mila lavoratori

Votata la stabilizzazione dei dipendenti delle nove province siciliane. Grande la soddisfazione del mondo della politica e dei sindacati.

Pubblicato

il

L’ARS volta pagina e con un atto, attesa da 25 anni, chiude un capitolo fatto di precariato e incertezza per migliaia di lavoratori in Sicilia. L’intervento riguarda i dipendenti ASU, per i quali, l’Assemblea regionale siciliana ha votato la norma del ddl che ne permette la stabilizzazione. In totale si tratta di 4.571 lavoratori.

Un risultato salutato con grande soddisfazione da tutto il mondo della politica siciliana e fortemente voluto dal presidente della Regione, Nello Musumeci che ha evidenziato: «Dopo un quarto di secolo, i lavoratori Asu impegnati nella Pubblica amministrazione possono finalmente trovare la necessaria serenità lavorativa. Merito di tutti, governo e parlamento, per un atto di grande responsabilità. Una tappa ulteriore, questa, sul percorso della stabilizzazione dei precari che abbiamo avviato da due anni.»

«Il via libera alla stabilizzazione dei lavoratori Asu siciliani – si legge in una nota stampa a firma dei deputati regionali, Alessandro Aricò, Giorgio Assenza, Pino Galluzzo, Giusy Savarino e Giuseppe Zitelli, del movimento “Diventerà Bellisima” – è un risultato che il governo Musumeci ha fortemente voluto, atteso da quasi cinquemila precari da numerosi anni al servizio di Regione, Comuni ed Aziende sanitarie. Finalmente potranno sottoscrivere con gli enti utilizzatori contratti a tempo indeterminato, anche con rapporti di lavoro a tempo parziale.»

«E’ un grande risultato – sottolinea il deputato Giuseppe Zitelli – che ci inorgoglisce. Questo atto ci permette di dare giustizia al lavoro di migliaia di lavoratori in Sicilia e garantire loro quella dignità occupazionale che ad oggi è mancata.»

«Da oggi i lavoratori ASU che nei fatti reggono i nostri Comuni – evidenzia il capogruppo del M5S all’ARS, Giovanni Di Caro – sono lavoratori di fatto e di diritto. Si tratta di una giornata storica che mette la parola fine ad uno dei capitoli meno nobili della politica regionale siciliana.»

Grande soddisfazione anche dal mondo dei sindacati che evidenziano, come questi lavoratori, presenti in tutte le province siciliane, hanno ricoperto per decenni anche posti di responsabilità, ottenendo in cambio un sussidio di appena 590 euro mensili. La provincia con più precari è Messina, con 1538 lavoratori, quella che ne ha meno è Enna, con 124 lavoratori; Catania vede impiegati 197 lavoratori.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti