Connect with us

Cronaca

Etna, sedicesimo parossismo ancora caratterizzato da boati e fontane di lava

La caduta di cenere su Catania ha obbligato i vertici dell’aeroporto etneo a chiudere la pista perchè contaminata, in corso la bonifica

Pubblicato

il

Ancora Etna in attività col sedicesimo parossismo dal cratere di sud-est, in azione dalla scorsa notte e caratterizzato da fontane di lava ed emissione di cenere vulcanica con forti boati percepiti per l’intera notte in diversi comuni pedemontani. In base al modello previsionale la nube eruttiva prodotta dall’attività  si disperde in direzione sud-est . E’ stata inoltre segnalata da personale dell’Ingv ricaduta di cenere a Catania. 

A partire dalle 03:30  l’ampiezza media del tremore vulcanico era in decremento, pur mantenendosi ancora su valori alti. Numero e ampiezza degli eventi infrasonici sono rimasti elevati. Sono presenti due colate, una ben alimentata in direzione Valle del Bove che ha raggiunto una quota tra i 1900 e 1800 m circa, ed un’altra meno alimentata in direzione sud che si attesta in area sommitale. Solo poco prima delle ore 10 la fontana di lava al cratere di sud-est è cessata. L’Ingv ha inoltre specificato che permane l’attività esplosiva che ha prodotto  una nube vulcanica di altezza di circa 4.5 km sul livello del mare.

Durante la notte è stata segnalata ricaduta di cenere alla Milia e Trecastagni. Al momento è in atto un sopralluogo in area sommitale da parte del personale dell’Istituto nazionale geofisica e vulcanologia di Catania. Continua il progressivo decremento dell’ampiezza media del tremore vulcanico, pur mantenendosi ancora su valori alti. Numero e ampiezza degli eventi infrasonici rimangono elevati.I dati delle reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo non mostrano significative variazioni rispetto alle ore precedenti.

La SAC, la società di gestione dell’aeroporto di Catania ha comunicato che, a causa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale ricaduta di copiosa cenere vulcanica, un settore dello spazio aereo è interdetto e la pista dello scalo aeroportuale è al momento chiusa perché contaminata ed è in corso l’attività di pulizia e bonifica. Nuovi aggiornamenti seguiranno, dopo la riunione dell’Unità di crisi. Per info sui voli dirottati o cancellati, la Sac invita   di rivolgersi alle compagnie aeree o verificare la situazione in tempo reale sul sito dell’Aeroporto www.aeroporto.catania.it e sui profili Facebook e Twitter dell’aeroporto.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti