Connect with us

In Primo Piano

Rifugio Timparossa, ripulito da due giovani

All’interno del bivacco, in area protetta sull’Etna, erano stati abbandonati diversi chili di immondizia.

Pubblicato

il

Il rispetto della natura contro l’inciviltà; il degrado e l’ignoranza contro la tutela ambientale e la valorizzazione dei beni naturalisti. Questa volta gli zozzoni hanno avuto la peggio, sconfitti da un’azione lodevole, portata a termine da due giovani catanesi. Si tratta di Gaetano Casella, di Santa Venerina e di Nando Valvo, di Acireale, entrambi 22enni, che hanno ripulito il rifugio Timparossa, in piena area protetta, sull’Etna. Un bel gesto che dimostra come cresce, soprattutto nei giovani, la voglia di prendersi cura dell’ambiente in cui si vive; un’azione che ha più significati insieme, oltre a lanciare un messaggio a tutela della natura, traccia un chiaro segnale verso una società sana e rispettosa delle regole.

Il rifugio Timparossa, posto in zona A all’interno della riserva integrale dell’area protetta, è molto apprezzato dagli escursionisti sia d’estate che d’inverno; proprio per la sua posizione è meta di tanti visitatori. Come accade di norma anche per altri rifugi, ha purtroppo subito la sgradita visita di alcuni trogloditi che, dopo aver utilizzato il bivacco, nell’andare via hanno lasciato al suo interno rifiuti di ogni genere. A questo si aggiunge l’ignobile azione dei vandali. Con il passare del tempo l’immondizia si è accumulata, offrendo uno spettacolo indecente ed indecoroso.

Da qui la scelta dei due ragazzi di armarsi di buona volontà e ripulire ogni cosa. Per loro un’intera giornata di fatica, ma con la soddisfazione di aver realmente contribuito a migliorare la nostra terra. Hanno percorso un km a piedi per giungere al rifugio e trasportato tantissimi kg di spazzatura proseguondo così nel loro impegno a tutela di uno dei beni ambientali più importanti per la Sicilia: l’Etna.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti