Connect with us

Cronaca

Camion travolge pedone e auto in sosta, arrestato dai carabinieri il camionista

Il 70enne, paternese, travolto dal mezzo dopo la probabile rottura dei freni, è in prognosi riservata all’ospedale “Cannizzaro” di Catania.

Pubblicato

il

Eccolo il momento dello schianto, l’attimo in cui il camion, rimasto senza freni, ha investito, ieri mattina, un pedone, davanti il bar Condorelli, in via Vittorio Emanuele III.

Lo sportello del mezzo aperto, una gamba del camionista fuori dall’abitacolo, è l’attimo in cui il 37enne si è gettato dal mezzo in corsa, dopo aver capito che non gli restava altro da fare.

L’uomo è stato trattenuto nella caserma dei carabinieri della Compagnia di Paternò per tutta la notte. Questa mattina la conferma del suo arresto. Si attende l’ufficialità della notizia per capire i reati contestati, si attende, tra l’altro di conoscere l’esito di alcoltest e drogatest.

Tra l’altro l’uomo era alla guida di un mezzo sottoposto a sequestro e senza copertura assicurativa.

Intanto il pedone, un 70enne, di Paternò, resta ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania. Dal presidio sanitario fanno sapere che “l’uomo è stato sottoposto a lungo e complesso intervento da équipe multispecialistica dell’ospedale Cannizzaro, a seguito del gravissimo politrauma. In particolare, gli specialisti dell’Unità operativa di ortopedia e traumatologia, diretta dal dottore Gianfranco Longo, hanno ricomposto le varie fratture subite dal 70enne, che hanno interessato soprattutto gli arti. Il paziente si trova in terapia intensiva, in prognosi riservata.”

Smentite le notizie di amputazione degli arti o di un aggravarsi delle condizioni di salute dell’uomo, diffuse in queste ore. Da censurare il vile sciacallaggio che avviene ad ogni grave fatto di cronaca.

Cronaca

Etna, altro parossismo con la nube eruttiva che ha raggiunto circa 6.5 km di altezza

L’attività sta avvenendo da tre bocche, nella parte occidentale del cratere di sud-est

Pubblicato

il

In corso dalle ore 11 circa dal cratere di sud-est dell’Etna, l’ennesimo evento parossistico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania ha avuto modo di verificare dalle telecamere di sorveglianza il passaggio da attività stromboliana, iniziata quest’ultima poco dopo le ore 10, a fontana di lava. L’attività sta avvenendo da tre bocche nella parte occidentale del cratere di sud-est.

Sulla base del modello previsionale, la nube eruttiva si disperde in direzione est-sud-est. Al momento, l’altezza della colonna eruttiva ha raggiunto circa 6.5 km a.s.l.. Poca prima che iniziasse il fontanamento di lava l’ampiezza del tremore vulcanico era su valori alti con andamento in crescita.  L’ultima localizzazione del tremore risulta in prossimità del cratere di sud-est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m.  Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere di sud-est. Per il momento l’operatività dell’aeroporto di Fontanarossa rimane intatta.

AGGIORNAMENTO ORE 12.09

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che l’attività di fontana di lava al cratere di sud-est è cessata; continua l’emissione di cenere. Nel frattempo, la colonna eruttiva ha raggiunto un’altezza di 9-10 km, dirigendosi verso est-sud-est. Si segnala ricaduta di cenere vulcanica sul versante orientale del vulcano. Alle ore 11.20 il tremore vulcanico ha raggiunto il valore massimo per poi cominciare una rapida discesa. Attualmente si attesta su valori alti con andamento in ulteriore diminuzione. Durante la fontana di lava sono state registrate variazioni molto piccole solo alle stazioni sommitali della rete clinometrica. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti