Connect with us

Cronaca

Aci Catena, arrestato 31enne accusato di aver minaccia di sparare alla ex moglie

L’indagato, molto geloso, avrebbe inviato alla donna, via WhatsApp, dei messaggi non certo “amorevoli” se avesse intrattenuto una relazione con un altro uomo

Pubblicato

il

foto repertorio

Arrestato dai carabinieri del comando stazione di Aci Catena, un 31enne del posto, “protagonista” dell’invio di alcuni messaggi minacciosi indirizzati alla ex moglie. La vittima, una 30enne catenota, già da un anno si era allontanata dal marito, il quale, nonostante la fine della loro relazione, non avrebbe smesso di importunarla, inviandole continui messaggi e iniziando a seguirla quando la incrociava per strada.

La donna ha denunciato il tutto ai carabinieri; il 31enne per un breve periodo avrebbe tenuto un comportamento più “civile”. Il periodo di quiete si è interrotto la scorsa mattina, quando l’uomo è ricomparso prepotentemente nella vita della vittima, inviandole una sfilza di messaggi WhatsApp, sempre più incalzanti, nei quali non solo avrebbe ammesso di non avere alcuna intenzione di accettare che lei lo avesse lasciato ma avrebbe espresso anche una morbosa gelosia tanto che, al pensiero che lei potesse intrattenere una relazione con un altro uomo, l’avrebbe minacciata di morte sparandole; la  30enne, terrorizzata dalle minacce di morte, non ha avuto nemmeno il coraggio di uscire di casa per andare a denunciare l’accaduto, temendo di incontrare il suo aguzzino per strada, quindi ha telefonato alla centrale operativa dei carabinieri che, compresa la delicata situazione, le ha inviato a casa una pattuglia.

I militari hanno tranquillizzato la giovane e poi in caserma dove ha mostrato ai militari i messaggi con i quali l’ex marito l’avrebbe minacciata di morte. I carabinieri si sono messi subito alla ricerca del 31enne, trovandolo dopo poco nella sua abitazione nella periferia di Aci Catena, con il telefono ancora in mano. Per lui sono scattate le manette e, contemporaneamente la sua abitazione è stata perquisita dai militari, che hanno voluto accertarsi che non avesse armi, come aveva fatto credere alla ex moglie nella chat. L’uomo è stato arrestato e condotto nel carcera di Catania Piazza Lanza.

 

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending