Connect with us

Cronaca

Paternò, vandalizzato il parco giochi “Giardino del sorriso” di Viale dei Platani

Una bambinopoli inclusiva nata grazie alla solidarietà di numerosissime associazioni e aziende paternesi, ma anche singoli cittadini, che avevano contribuito con donazioni per realizzarla

Pubblicato

il

Era il 30 aprile del 2018 quando fu inaugurato il “Giardino del sorriso”, una bambinopoli inclusiva collocata nello spazio a verde di Viale dei Platini a Paternò non distante dalla sede dell’INPS. Sono trascorsi oltre 6 anni da quel giorno e il parco giochi si presenta agli occhi dei cittadini vandalizzata. Una delle due “altalene” presenti nel parco giochi, in particolare quella che può accogliere bambini disabili su carrozzina è totalmente fatta a pezzi e non utilizzabile. Evidentemente il “gioco” potrebbe essere stato utilizzato da uno o più soggetti probabilmente in contemporanea che praticamente si è staccato dal gancio in ferro rendendola al momento non utilizzabile.

Ed ancora altri giochi sono stati danneggiati che li renderebbero insicuri. Per non parlare di una panca in legno fatti a pezzi. Insomma coloro che sono gli autori di un simile atto vandalico avrebbero un senso civico pari a zero. Il parco inclusivo era nato da una iniziativa dell’associazione “Zona Franca”. Una bambinopoli inclusiva nata grazie alla solidarietà di numerosissime associazioni e aziende paternesi, ma anche singoli cittadini, che avevano contribuito con donazioni per realizzarla. Nel giorno della sua inaugurazione si parlò della presenza di telecamere di video sorveglianza per proteggerla da atti vandalici e furti. Ci si chiede se attualmente il sistema di video sorveglianza sia operativo oppure sparito per mano di qualche ladro o vandalo.

 

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending