Connect with us

Cronaca

S.M. di Licodia. Sindaco tende la mano, consiglieri rifiutano l’offerta e vanno avanti

Giovanni Buttò: «Nella vita si sbaglia e sicuramente qualcosa l’ho sbagliata. Sono sempre pronto al dialogo». Enrico Caruso replica: «Quanto detto in aula dal sindaco andava fatto subito dopo la mia lettera di dimissioni. Io messo alla porta»

Pubblicato

il

Si è tenuto questa mattina, con un’ora di rinvio per mancanza del numero legale, il consiglio comunale di Santa Maria di Licodia che avrebbe dovuto trattare il rendiconto finanziario anno 2022 e due interpellanze presentate dall’opposizione. A dare subito all’occhio, la disposizione dei consiglieri negli scranni del palazzo comunale. Da un lato, nei banchi della maggioranza, erano presenti solo i consiglieri Giuseppe Fazio e Ignazio Sidoti, supportati a poca distanza dai consiglieri Mirella Rizzo e nella sedia più alta dell’aula dal presidente Maria Russo. Dall’altra parte, tra le sedie riservate all’opposizione, oltre ai consiglieri di minoranza Gabriele Gurgone, Mariella Spalletta e Simona Pinzone anche i neo indipendenti Enrico Caruso, Grazia Ranno, Antonino La Delfa e Fabiana Patti con accanto la consigliera Caterina Piemonte già dichiaratasi indipendente in aula diversi mesi fa. Non solo parole, dunque, per sottolineare la spaccatura con la maggioranza ma anche un simbolismo che fanno trasparire in maniera netta e forte la nuova geografia politica licodiese.

Un consiglio comunale acceso ed infuocato soprattutto tra i banchi dell’opposizione, così come ci si aspettava ormai da diverse settimane, che ha visto affrontare nella parte iniziale la spinosa e calda situazione politica delineatasi a partire da fine agosto nel piccolo centro etneo. Così come anticipato, è stato il sindaco Giovanni Buttò ad aprire la discussione attraverso la lettura di una propria nota rivolta a tutto il consiglio comunale. «Era giusto che esprimessi il mio pensiero nel luogo più appropriato, l’aula consiliare, evitando di rilasciare dichiarazioni che certamente avrebbero potuto essere fraintese o mal interpretate» ha detto il primo cittadino Giovanni Buttò. «Ho letto attentamente le dichiarazione presentate e sono rimasto molto amareggiato ed angustiato da quanto scritto. Giusto il 28 giugno scorso, la lettura della relazione annuale aveva riportato il plauso e l’approvazione della maggioranza che mi sosteneva».

E poi, interrogando se stesso, il sindaco ha continuato a dire «è successa qualcosa in questi ultimi mesi? Può darsi. Ricordo che questa amministrazione comunale e la sua maggioranza si è formata con il preciso compito di cambiare modo di amministrare rispetto al decennio precedente. Certamente questo non è stato facile farlo ed ancora forse occorre tempo. In nome di questo impegno, da parte mia, c’è ancora tutto l’entusiasmo e tutta la voglia di un anno fa e sono ancora fiducioso che questo impegno comune nei confronti della cittadinanza ci sia da parte di tutti i consiglieri e assessori». Poi, il tendere la mano a chi, fino a ieri, ha sostenuto l’amministrazione Buttò e che oggi invece siede accanto all’opposizione. «Nella vita si sbaglia e sicuramente qualcosa l’ho sbagliata per arrivare a delle prese di posizione così chiare. E di questo me ne faccio carico. Tuttavia sono sempre per il dialogo perché sono convinto che parlando si costruisce e come credo che l’impegno di ogni consigliere qui presente è sicuramente di poter lavorare per fare del bene e per farlo per la comunità licodiese. Ribadisco la mia piena disponibilità ad un dialogo aperto a 360 gradi. Molte volte si sbaglia senza rendersene conto e rimediare agli errori commessi è segno di maturità da parte di ciascuno di noi. L’amministrazione che guido sono sicuro che ha ancora voglia di lavorare in sinergia con tutti per garantire ai cittadini serenità di governo e unione dei soggetti politici che scendono in campo e che vogliono proporre buone pratiche nell’esclusivo bene del comune di Santa Maria di Licodia. Consegno questa breve ma sentita riflessione ad ognuno di voi consiglieri ed al consiglio comunale nella sua interezza» ha poi concluso il sindaco licodiese.

Dichiarazione, quella del primo cittadino, all’interno della quale, per ben tre volte, ricorre il verbo “sbagliare”, seguito dalla volontà di farsi carico di eventuali errori commessi e col proposito di migliorarsi, tendendo la mano agli ex amici di un tempo che forse difficilmente potranno ritornare tali. Abbastanza dure le posizioni dei consiglieri indipendenti, tra cui anche quella di Enrico Caruso, ex assessore che ha dato il “La” al terremoto politico licodiese presentando le sue dimissioni da assessore. «Quanto detto in aula dal sindaco – ha spiegato il consigliere Caruso – non andava fatto oggi ma andava fatto subito dopo la mia lettera di dimissioni dall’incarico di assessore. Sono stato messo alla porta, mentre lui cercava già un nuovo sostituto, come assessore. Ho apprezzato che gli altri consiglieri non abbiano accettato la carica costituzionale, questo a dimostrazione che a noi non interessano le poltrone. Da parte nostra ci sarà sempre il dialogo, necessario in politica. Semmai ci fossero, in futuro, decisioni valide, presentate in aula, le approveremo e le sosterremo. Caso contrario non mi farò problemi – ha concluso duramente Caruso – a trasmettere il tutto alle autorità competenti».

Attento e critico è stato, tra le file dell’opposizione, anche il capogruppo Gabriele Gurgone il quale ha voluto rimarcare la crisi politica che si è venuta a creare in consiglio rassicurando allo stesso tempo i cittadini licodiesi. «In consiglio è emerso quanto già era noto, ovvero che poco dopo più di un anno il sindaco non ha la maggioranza consiliare. Un evento, penso, unico per la politica licodiese, che evidenza come questa amministrazione verrà ricordata in negativo. Da parte nostra, in aula, abbiamo invitato il sindaco a prendere atto di tale criticità, che rischia di creare uno stop alle azioni rivolte alla cittadinanza. Oggi Licodia ha un sindaco di minoranza che ha dimostrato di non avere nessun tipo di leadership, causando, di fatto, l’emorragia di consiglieri. Il paese si trova ad essere di fronte ad una ingovernabilità da parte del sindaco, ma sarà senz’altro amministrato dalla responsabilità dei consiglieri comunali. Come gruppo di opposizione, abbiamo espresso vicinanza ai colleghi che hanno deciso di fuoriuscire dalla maggioranza, comprendendo appieno lo stato d’animo di coloro che hanno vinto le scorse elezioni, partecipando ad un progetto politico che hanno visto infrangersi dopo pochi mesi».

Dopo la discussione prettamente politica, è stata trattata l’interpellanza relativa al mancato introito di alcune somme legate ad oneri di urbanizzazione. «L’assessore Nicolosi mi ha risposto che il chiarimento in merito alla nostra interpellanza non è di sua competenza» ha detto Gabriele Gurgone. «Mi ritengo insoddisfatto e ribadisco che siamo davanti ad un grave danno economico per l’ente». La seduta, su proposta del consigliere Caruso, è stata poi rinviata al 9 ottobre alle ore 18:30.

Cronaca

Paternò, 31enne indagato per reclutamento e sfruttamento di manodopera agricola

Il GIP di Catania ha disposto per il presunto “caporale”  l’obbligo di non allontanarsi dalla sua abitazione tra le 15.30 e le 3 del mattino e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Pubblicato

il

Un uomo di 31 anni di Adrano, incensurato, è indagato per “reclutamento e sfruttamento di manodopera agricola in condizioni di estremo sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno”.  L’indagine è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Paternò e da quelli  del Nucleo Ispettorato del lavoro di Catania. Il GIP di Catania ha disposto per il presunto “caporale”  l’obbligo di non allontanarsi dalla sua abitazione tra le 15.30 e le 3 del mattino e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

In particolare l’attività dei carabinieri è stata incentrata sulla presenza di lavoratori stranieri  nella baraccopoli di contrada Ciappe Bianche di Paternò, spesso irregolari e impiegati illecitamente per i lavori agricoli in tutto il comprensorio paternese e nei paesi vicini. I carabinieri, mediante servizi di appostamenti e osservazione a distanza, hanno individuato un furgone sul quale gli extracomunitari sarebbero stati caricati e portati nei terreni dove si svolgeva la raccolta delle arance.  Secondo l’accusa, a bordo di un Fiat Iveco, il 31enne avrebbe prelevato degli extracomunitari dalla tendopoli di contrada Ciappe Bianche e li avrebbe condotti nei terreni per la campagna agrumicola, non solo in fondi di sua proprietà, ma anche di terzi.

In una occasione i carabinieri avevano seguito e poi fermato il mezzo dopo che avrebbe prelevato sette lavoratori e li avrebbe portati in un fondo agricolo a Mineo, ma l’autista sarebbe  fuggito lasciando gli extracomunitari nel vano posteriore. I militari avrebbero accertato che tutti gli occupanti del mezzo sarebbero stati soggetti  senza permesso di soggiorno e senza contratto di lavoro.  I lavoratori hanno riferito di essere stati ‘ingaggiati’ dal 31enne, rivelando di sottostare a massacranti condizioni di lavoro: ossia turni di 10-12 ore al giorno, 6 giorni su 7, con retribuzione a cottimo condizionata al raggiungimento di determinati obiettivi di raccolta, indipendentemente dalle ore effettivamente lavorate, in violazione di qualsivoglia normativa sul lavoro. Nessuno di loro avrebbe ricevuto una formazione sulla sicurezza o sarebbe stato sottoposto a visite mediche preventive, così come non sarebbero stati forniti loro i necessari dispositivi di protezione individuale. Uno di loro nel febbraio scorso si sarebbe infortunato cagionandosi una frattura, ma sarebbe stato convinto dall’indagato a non raccontare la verità ai medici del pronto soccorso e a dire loro che si era trattato di un incidente domestico.

 

Il modus operandi dell’indagato, sarebbe stato così incentrato su una relazione di subordinazione e dipendenza tipica del caporalato. Oltretutto “il coinvolgimento di un numero significativo di persone, oltre tre, sarebbe solitamente tipico di una gestione del lavoro non solo irregolare ma criminale, finalizzata a sfruttare massicciamente la manodopera vulnerabile senza alcuna considerazione per la loro sicurezza e benessere”  dicono dalla procura di Catania.

Continua a leggere

Cronaca

Catania, operazione “Dietro le mura” 5 arresti per rapina, furti e spaccio di droga

Si tratta di un 43 enne, un 53enne, due 59enni e un 66enne mentre l’indagine è scaturita per una rapina commessa il 6 giugno 2022 all’interno del parcheggio dell’ospedale San Marco. 

Pubblicato

il

La Polizia di Stato con l’operazione “Dietro le mura” ha arrestato cinque  persone; si tratta  di un 43 enne, un 53enne, due 59enni e un 66enne, accusate  di rapina aggravata, furti in abitazione e all’interno di autovetture nonché di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti destinate in favore di un soggetto detenuto presso la Casa Circondariale di Catania piazza Lanza.  Le indagini  hanno permesso di acquisire elementi che dimostrerebbero il coinvolgimento degli  indagati in una serie di attività delittuose di natura principalmente predatoria.

 

Il provvedimento restrittivo è il risultato di una indagine scaturita per una rapina commessa il 6 giugno 2022 all’interno del parcheggio dell’azienda ospedaliera San Marco.  In particolare gli accertamenti della Polizia avrebbero chiarito il ruolo dei cinque arrestati nella rapina commessa da tre degli indagati, uno dei quali armato di pistola, giunti a bordo di due scooter e di individuare sia il complice a cui sarebbero stati affidati i compiti di attendere l’arrivo della vittima e sia il basista, identificato nel 43enne.

 

Il bottino dell’assalto fu di 2.165 euro. Inoltre nell’ambito delle indagini della sezione Reati contro il patrimonio e la Pubblica amministrazione della Squadra mobile della Questura sulla rapina è stato ripreso il 53enne mentre lanciava sostanze stupefacenti del tipo marijuana e hashish e telefonini all’interno della casa circondariale di piazza Lanza destinati a un detenuto dell’istituto. A riscontro delle indagini, il 6 settembre del 2022, la Polizia ha arrestato il 43enne per la detenzione in un deposito nella sua disponibilità di due pistole e di due pistole mitragliatrici con relativo munizionamento Il gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto l’applicazione della misura cautelare della custodia cautelare in carcere nei confronti di tutti gli indagati, che sono stati arrestati e condotti nella casa circondariale di piazza Lanza.

 

Continua a leggere

Trending