Connect with us

Politica

Biancavilla, domani la proclamazione del sindaco Bonanno

L’evento a villa delle Favare

Pubblicato

il

È stata una vittoria schiacciante, quella di ieri, per il sindaco Antonio Bonanno che ha fatto registrare 11.096 voti a suo favore pari all’81,71% degli elettori contro i  2480 voti a favore del suo sfidante Andrea Ingiulla. Voti che, a quest’ultimo, non sono bastati a superare lo sbarramento  del 20% di consensi per la conquista del posto in consiglio comunale tra le fila dell’opposizione. Nella giornata di domani, alle ore 18:00, si terrà la proclamazione del sindaco presso villa delle Favare.

Nei prossimi giorni, dovrebbe poi tenersi anche la proclamazione dei consiglieri risultati eletti nella tornata di ieri. Al di là di colpi di scena, saranno 6 donne e 10 uomini i consiglieri che andranno ad occupare gli scranni del civico consesso, così suddivisi:

MAGGIORANZA

Noi per Biancavilla: Fabrizio Portale (430);

Prima l’Italia: Vincenzo Mignemi (829) e Maria Silvana Laudani (679)

Fratelli d’Italia: Dino Caporlingua(378) e Fabio Diolosà (354)

MPA: Luigi D’Asero (382)

Biancavilla in azione : Salvatore Pulvirenti (528) e Francesco Battiato (285)

Biancavilla mi piace: Vincenzo Giardina (575) e Giorgia Pennisi (281)

Biancavilla che lavora: Vincenzo Amato (827), Martina Salvà (802) e Rosanna Bonanno (369)

Energia per Biancavilla: Marco Cantarella (499) e Martina Paternò (276)

MINORANZA

PD-Biancavilla che vogliamo: Melissa Pappalardo (334)

In Primo Piano

S.M. di Licodia, eletti i consiglieri dell’Unione Comuni Aree Interne

Pubblicato

il

Importante seduta consiliare, quella di ieri, all’interno del palazzo comunale di Santa Maria di Licodia, che prevedeva all’ordine del giorno l’elezione dei componenti del Consiglio dell’unione dei Comuni aree interne composto dai rappresentanti eletti all’interno dei civici consessi di Adrano, Biancavilla, Centuripe e Santa Maria di Licodia. Ancora una volta, a dettare la linea in aula, lo schieramento compatto di opposizione e indipendenti che hanno fatto quadrato contro l’amministrazione Buttò che aveva portato in aula il nome della consigliera Caterina Piemonte, la quale ha riportato 4 preferenze. A conquistare il posto all’interno del consiglio dell’area internta, sono stati invece consiglieri Grazia Ranno, Antonio La Delfa e Mariella Spalletta eletti con 7 preferenze ciascuno.

La Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI) è una strategia avviata con il ciclo 2014-2020 basata su azioni di politica di coesione. Le aree interne, nascono con l’obiettivo di contrastare il declino demografico che caratterizza una porzione significativa del Paese, che corrisponde in larga parte ai territori montani, ma non solo. L’obiettivo è duplice: da una parte, si tratta di assicurare a tutti il pieno accesso ai diritti essenziali di cittadinanza (trasporto pubblico locale, istruzione e servizi socio-sanitari), dall’altro, di favorire lo sviluppo economico e migliorare la manutenzione del territorio stesso. La SNAI è sostenuta da risorse nazionali, prioritariamente indirizzate agli interventi sui servizi essenziali, e da fondi europei (FESR, FSE e FEASR), per il finanziamento di progetti di sviluppo locale.

Continua a leggere

Cronaca

Bronte, per il sindaco Firrarello la metropolitana deve arrivare a Bronte

Secondo il primo cittadino brontese il tratto Adrano-Bronte sarà in superfice e meno costoso da realizzare

Pubblicato

il

“La metropolitana non può fermarsi a Paternò o fino ad Adrano, dobbiamo farla arrivare a Bronte e a Randazzo”. A dirlo è il sindaco di Bronte, Pino Firrarello che si  rivolge al Ministero dei Trasporti, forte delle sensazioni positive ricevute in occasione dell’inizio dei lavori del tratto Piano Tavola- Paternò, dove il ministro Matteo Salvini, nel suo intervento, non ha escluso la possibilità che si chiudesse l’anello ferroviario attorno l’Etna. “Considero la realizzazione della metropolitana, almeno fino a Randazzo, l’infrastruttura che più di tutte è in grado di migliorare la qualità della vita dei residenti e le potenzialità del territorio. Fino a qualche anno fa vedevo la Fce soltanto come il trenino della tradizione, guardato con affetto. I pendolari che da Bronte si spostavano fino a Catania, infatti, continuavano a scegliere l’auto. Con l’attuazione dei vari step di sviluppo che la Circumetnea ha registrato, mi sono reso conto che è un vettore di trasporto importante”.

Firrarello ha specificato che i comuni che in futuro saranno raggiunti da un servizio di metropolitana veloce dovrebbero ottenere notevoli benefici perché potranno comodamente in treno raggiungere l’aeroporto di Catania o il Porto.  “Una ferrovia veloce darà un contributo sostanziale alla sostenibilità del traffico, favorirà il processo di disurbanizzazione migliorando la qualità della vita con la creazione di nuove infrastrutture e di luoghi più vivibili. Valorizzerà l’intero comprensorio etneo, insomma, creando nuove opportunità di sviluppo economico e contribuendo al potenziamento e alla competitività dei settori trainanti dell’economia locale. Verrà valorizzato anche il patrimonio naturale e culturale – aggiunge – favorendo così i flussi turistici, senza considerare il contributo significativo al miglioramento della qualità dell’ambiente” dice Firrarello, il quale sostiene che non ci sarebbero difficoltà nel trovare risorse economiche.

“ Il tratto Adrano-Bronte, che sarà in superfice per esempio, è il più semplice da realizzare e quindi il meno costoso. Ci sono poi delle norme che consentono al Ministero di investire in questa direzione. Per una di queste contribuì con un emendamento decenni fa l’on. Vito Bonsignore, ai tempi sottosegretario al Bilancio. Il fatto poi che la gestione della Fce è rimasta ministeriale è una garanzia. Ci ha provato in passato qualcuno a farla diventare una ferrovia regionale, ma la  Circum è rimasta sotto la gestione del Governo centrale. E così i direttori ed i commissari che in questi anni si sono succeduti sono stati di sicuro valore e spessore”.

Continua a leggere

Trending