Connect with us

Cronaca

Catania, arrestato un 42enne trovato con arma, munizioni, droga e soldi in contanti

L’uomo è accusato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, detenzione di arma clandestina e ricettazione

Pubblicato

il

Un uomo di 42 anni in libertà vigilata è stato arrestato a Catania dai carabinieri perché trovato in possesso di numerose dosi di varie sostanze stupefacenti e di una pistola. Il 42enne è accusato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, detenzione di arma clandestina, detenzione abusiva di armi e ricettazione.  Fermato per un controllo mentre era a bordo di uno scooter Honda Sh 300, nel quartiere San Cristoforo, è stato sorpreso con 12 grammi di cocaina in pietra, con 200 euro nella tasca dei pantaloni e, nascosti all’interno degli slip, altri 12.300 euro in contanti.

Perquisizione estesa nell’abitazione dell’uomo in via Pietro Platania, all’interno di un appartamento, al secondo piano di una palazzina, protetto da una porta blindata sulla scala d’accesso. I militari hanno sequestrato una pistola semiautomatica calibro 22 con la matricola cancellata corredata da un silenziatore, un giubbotto antiproiettile e 313 proiettili di vario calibro, 37 involucri contenenti varie pietre di cocaina e 69 dosi già confezionate della stessa sostanza stupefacente per un peso complessivo di 1 chilo e 343 grammi.

La perquisizione ha anche permesso di sequestrare 55 grammi di crack in pietra, 91 grammi di hashish, 8 involucri per 1,789 kg di marijuana, un bilancino di precisione, una macchina per la preparazione sottovuoto della droga e 28 ‘pizzini’ con nomi ed importi riferibili alla vendita ed agli acquirenti delle sostanze stupefacenti.  Il 42enne è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria, che ne ha convalidato l’arresto, disponendo la sua permanenza in regime di custodia cautelare nel carcere di Piazza Lanza

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending