Connect with us

Cronaca

Catania, uomo aggredito all’interno del porto da tre cani, scattata una denuncia

Deferita a piede libero la rappresentante legale di un cantiere nautico da dove sarebbero usciti i tre animali

Pubblicato

il

Lesioni personali colpose è il reato contestato alla rappresentante legale di un cantiere nautico che si trova all’interno del porto, denunciata a piede libero dalla polizia di stato. I poliziotti hanno avviato le indagini subito dopo aver ricevuto una denuncia/querela da parte di dipendente di una ditta che si occupa della movimentazione dei container all’interno del porto commerciale di Catania, L’uomo è stato aggredito da tre cani proprio all’interno del porto. La vittima ha specificato che, ultimato il suo turno di lavoro, è stato azzannato da tre cani che sono usciti da un cantiere sito proprio lungo la strada su cui si trovava a transitare.

Ha riferito ai poliziotti che i tre cani di taglia medio- grande, l’hanno azzannato facendolo pure rovinare per terra; riuscito comunque a rialzarsi, si è arrampicato su un muretto di recinzione per evitare di essere ulteriormente assalito. Successivamente, trasportato con un’ambulanza presso il pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi, il ferito è stato sottoposto a cure mediche e dimesso con 28 giorni di prognosi, anche alla luce della riscontrata frattura del polso sinistro.

Al fine di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, la polizia ha acquisito  le immagini del sistema di video-sorveglianza presenti in zona, la cui visione ha permesso di ricostruire il tutto. Inoltre è stato rintracciato e ascoltato daagli agenti anche un senegalese  presente ai fatti, il quale oltre a confermare quanto accaduto, si è anche prodigato a fare desistere i  cani dal continuare nella loro aggressione.

Nel corso delle indagini è emerso che i tre cani appartengono al cantiere nautico da cui sono usciti e la cui rappresentante legale è stata identificata e denunciata. Dell’accaduto è stata informata anche la Direzione dell’ASP Veterinaria – Servizio Igiene Urbana di Catania, al fine di procedere alla relativa sorveglianza sanitaria, nonché agli eventuali adempimenti sanzionatori di competenza.

 

Cronaca

Catania, avrebbe costretto un minore a fare il pieno alla sua auto, arrestato 24enne

L’uomo è accusato di estorsione aggravata e i fatti che li sono contestati sarebbero avvenuti la sera dello scorso 2 gennaio nei pressi di un distributore automatico di carburanti

Pubblicato

il

Estorsione aggravata è il reato contestato ad un giovane di 24 anni, arrestato dai carabinieri della compagnia di Catania Piazza Dante; l’uomo, finito ai domiciliari con dispositivo elettronico, avrebbe minacciato un minorenne costringendolo a pagare il pieno di benzina alla sua auto per quasi 100 euro. I fatti risalgono alla sera del 2 gennaio scorso a Catania e sarebbero avvenuti ad un distributore automatico di carburanti situato all’angolo tra viale Della Libertà e via Pietro Mascagni.

Secondo la Procura il 24enne giunto intorno alle 21 nella stazione di servizio a bordo di una Fiat 500X in compagnia della moglie e del figlio, si sarebbe avvicinato ad un minorenne che stava facendo rifornimento al suo ciclomotore chiedendogli del denaro per la benzina. Il ragazzo, intimorito dalla corporatura imponente dell’uomo, gli avrebbe risposto di dover andare via perché in ritardo per un appuntamento ma l’indagato lo avrebbe minacciato. Il minore  avrebbe consegnato a quest’ultimo una banconota da 5 euro; il 24enne avrebbe minacciato il ragazzo pretendendo che pagasse il pieno alla sua auto con una carta prepagata, cosa che la vittima ha fatto.

I carabinieri di Catania Piazza Dante hanno avviato le indagini dopo la denuncia da parte della vittima. Grazie alle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza della stazione di rifornimento hanno individuato l’autovettura utilizzata dal 24enne, accertando che era stata noleggiata dalla madre dell’indagato.

 

Continua a leggere

Cronaca

S.M. di Licodia, chiuso per 7 giorni bar frequentato da soggetti con precedenti penali e giudiziari (anche per mafia)

Il provvedimento è stato emesso dal Questore di Catania su richiesta degli uomini dell’Arma di Santa Maria di Licodia

Pubblicato

il

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio volte ad aumentare la sicurezza, reale e percepita, della cittadinanza, i Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia hanno notificato oggi un provvedimento di sospensione – di 7 giorni – per la gestione di un bar ubicato nella centralissima Via Vittorio Emanuele, poiché frequentato da pregiudicati, come più volte accertato dagli stessi militari del posto. I militari del Comando Arma di Stazione di Santa Maria di Licodia, infatti, che attraverso la loro profonda conoscenza del tessuto sociale e delinquenziale del territorio, si erano accorti di chi si ritrovasse nell’esercizio commerciale, circostanza peraltro segnalata anche dagli abitanti della Via Vittorio Emanuele, hanno così predisposto, nel corso dell’ultimo anno, molteplici verifiche al locale, soprattutto in arco serale, riscontrando appunto la presenza dei pregiudicati. In particolare nel provvedimento in argomento, emesso dal Questore di Catania su richiesta dell’Arma di Santa Maria di Licodia, è stato evidenziato come durante numerose attività di controllo poste in essere dai Carabinieri, siano stati trovati e identificati all’interno del bar e nelle sue immediate vicinanze soggetti con a carico pregresse vicende giudiziarie, relative anche a gravi reati come associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico di stupefacente, spaccio e porto abusivo di armi.

Continua a leggere

Trending