Connect with us

Cronaca

Covid-19, in Sicilia il contagio resta stabile: record di tamponi eseguiti in 24 ore

Il governatore siciliano ha firmato l’ordinanza che avvia la fase che porterà ad una graduale riapertura

Pubblicato

il

In Sicilia record di tamponi (oltre 4300 in 24 ore), ma il contagio rimane stabile: tornano a salire invece i decessi dovuti all’epidemia da coronavirus. Questo  il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle 17 di oggi. Sono complessivamente 2.157 le persone attualmente positive, 12 in più di ieri. Ancora in calo il numero dei pazienti ricoverati in ospedale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 79.669 (+4.309 rispetto a ieri), su 74.541 persone: di queste sono risultate positive 3.166 (+26), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.157 (+12), 774 sono guarite (+11) e 235 decedute (+3). Degli attuali 2.157 positivi, 441 pazienti (-8) sono ricoverati – di cui 33 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.716 (+20) sono in isolamento domiciliare. A Catania resta stabile sia il  numero dei contagi (allo stato attuale sono 665), sia quello delle persone guarite(225 le persone che hanno vinto la battaglia contro il Covid). Calano i ricoveri: sono 97 meno due rispetto a mercoledì;  aumenta purtroppo il numero dei morti: dagli 81 di ieri si passa agli 83 di oggi.  A Biancavilla il sindaco Antonio Bonanno ha comunicato che sono arrivati i risultati di altri 70 tamponi effettuati al personale medico dell’ospedale Maria Santissima Addolorata. Tamponi tutti negativi. Allo stato attuale sono 12 i soggetti tra medici infermieri, ausiliari e paziente risultati affetti da Covid-19. A Misterbianco la commissione straordinaria nominata dal  Prefetto di Catania ha comunicato che in città sono presenti  18 persone affetti da Covid, di cui 5 ospedalizzate e 13 a domicilio (delle persone a domicilio 6 sono state dichiarate guarite, mentre delle persone ricoverate in ospedale 2 sono decedute nelle ultime 24 ore.

Proseguono a Paternò la distribuzione dei buoni spesa alle famiglie in difficoltà, causa emergenza coronavirus. Entro la prossima settimana sarà completata la consegna dei buoni. Rimarranno fuori per il momento diversi nuclei familiari che potranno successivamente usufruire dei buoni delle Regione Siciliana. Il primo cittadino Nino Naso, nel corso di una conferenza stampa, ha illustrato il lavoro svolto dai servizi sociali . In particolare sono stati distribuiti fino adesso 9000 buoni spesa per circa 1400 nuclei familiari. Sono state oltre 3500 le istanze giunte al comune di Paternò: da premettere che parte di esse sono state inoltrate da più componenti della stessa famiglia. Pertanto non si conosce ancora il reale numero di  coloro che hanno ricevuto e che dovranno ricevere i buoni spesa ne tanto meno il totale delle famiglie  che sono state estromesse. Nell’assegnazione dei buoni spesa è stata data priorità alle famiglie che hanno dichiarato di avere un reddito zero. Non solo fondi statali ma anche i privati hanno contribuito nel sostegno alle fasce deboli della popolazione. In particolare oltre 700 famiglie sono state raggiunte con la spesa grazie al “Carrello  Solidale” e alle donazioni di imprenditori del posto. Ed ancora a questi si aggiungono buoni distribuiti con fondi comunali pari a 5000 mila euro e quelli dell’AMA pari a 1500 euro, nonche buoni farmacia, della “rete bambino” e di altre associazioni.

Intanto il governatore Nello Musumeci ha avviato la fase che porterà ad una graduale riapertura. L’ordinanza, firmata oggi e in vigore dal 4 al 17 maggio, si muove all’interno delle linee guida fissate da Roma, seppure con qualche “forzatura”.  Viene permesso alle famiglie di potersi trasferire nelle seconde case, a patto che non facciano la spola con la principale abitazione, ma vi rimangano per la stagione.  Disco verde anche per l’asporto ai ristoranti, pasticcerie, gelaterie, bar e pub, con il divieto di consumare nei locali e nelle adiacenze. Si può accedere al cimitero e acquistare fiori e piante. Un’attenzione, nell’ordinanza, anche verso gli animali da affezione per i quali sarà consentita la tolettatura. Novità pure per le società sportive che sono autorizzate a iniziare attività amatoriali di corsa, tennis, pesca, ciclismo, vela, golf ed equitazione. Rimangono congelate le limitazioni all’accesso nell’Isola almeno fino al 17 maggio. In quella stessa data il governatore Musumeci spera anche di strappare al premier Giuseppe Conte il permesso di riaprire le loro botteghe ai parrucchieri per uomo e per donna. Restano invariate le disposizioni relative all’obbligo di quarantena.

In Italia sono  75.945 i guariti dal coronavirus  con un incremento record di 4.693 rispetto a ieri. E’ l’aumento maggiore dall’inizio dell’emergenza. Oggi anche calo record in un solo giorno dei malati. Sono scesi a 101.551, con un decremento di 3.106 in 24 ore. Non si arresta l’ormai stabile da settimane trend in calo dei ricoveri in terapia intensiva:  ad oggi sono 1.694, 101 in meno rispetto a ieri. Dei 101.551 malati complessivi, 18.149 sono ricoverati con sintomi, 1.061 in meno rispetto a ieri, e 81.708 sono quelli in isolamento domiciliare, 1.944 meno di ieri. Purtroppo continuano ad aumentare le vittime, salite a 27.967 con un incremento di 285 in un giorno.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Catania, carabinieri trovano un arsenale in uso al gruppo mafioso dei “Nizza”

I militari dell’Arma, in due mesi di attività all’interno del rione San Cristoforo, hanno rinvenuto esplosivi e armi da fuoco, comuni e da guerra

Pubblicato

il

Scoperto e sequestrato dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania un arsenale ritenuto in uso al gruppo “Nizza” della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. Si tratta di esplosivi e armi da fuoco, comuni e da guerra. Arsenale rinvenuto nel corso di diverse perquisizioni operate, in circa due mesi, in diversi edifici e strutture collocati nel quartiere San Cristoforo.

In particolare nella zona più isolata di un’area adibita a parcheggio di un centro commerciale, i militari hanno notato la presenza di alcuni sacchi contenenti rifiuti non organici sovrapposti con l’obiettivo di occultare un beauty case al cui interno i carabinieri hanno trovato una pistola Benelli Army cal. 9 sprovvista di matricola, nonché circa 300 cartucce di vario calibro. All’interno di un’abitazione di via Bianchi, apparentemente in stato d’abbandono, i militari hanno rinvenuto due borsoni contenenti una pistola Benelli Army cal. 9 sprovvista di matricola, 2 fucili mitragliatori (specificamente un AK 47 Kalasnikov cal. 7,62 ed un “MP brasilien” cal. 9 munito di silenziatore), un fucile lanciagranate con 6 proietti e 757 cartucce di vario calibro, oltre ad un passamontagna con un giubbotto antiproiettile e 9 ordigni esplosivi. Vista la loro pericolosità in via Bianchi sono intervenuti militari della squadra artificieri del comando provinciale.

Nel prosieguo dell’attività, nelle vicinanze di un edificio scolastico ubicato sempre a San Cristoforo, è stato rinvenuto un altro borsone anche questo contenente un ulteriore mitra AK 47 Kalashnikov, un fucile a pompa, una pistola a tamburo cal. 38 con matricola abrasa, 68 cartucce di vario calibro ed un puntatore laser e, anche in questo caso, 3 ordigni esplosivi di tipo artigianale. In sostanza nell’ultimo bimestre i carabinieri del reparto operativo di Catania hanno trovato e sequestrato armi, ordigni artigianali e munizionamento vario, riconducibili al gruppo mafioso dei “Nizza”: ossia  9 armi , tra pistole, fucili mitragliatori e un fucile lanciagranate, efficienti e in ottimo stato di conservazione; 12 ordigni artigianali improvvisati (tra flash bang e cd. “pipe bomb”), contenenti esplosivo/bulloni e atti ad offendere; 837 tra proiettili e cartucce vari calibri e marchi. Le armi sono state inviate al R.I.S. di Messina per lo svolgimento degli accertamenti tecnici tesi a verificarne l’eventuale utilizzo in episodi criminosi.  

Nell’ambito della stessa operazione di controllo del quartiere San Cristoforo  i militari dell’Arma hanno anche arrestato un uomo di 36 anni, ritenuto dalla Procura un soggetto vicino al gruppo mafioso “Nizza”, ricercato dal dicembre 2021, poiché colpito da un ordine di carcerazione; in manette anche una una persona di 43 anni trovata in possesso di 400 grammi di cocaina in pietra . Il ricercato, che deve scontare la pena di 11 mesi e 4 giorni di reclusione, è stato localizzato e bloccato all’interno di un’abitazione sita in via Cave di Villarà, dove aveva trovato rifugio. La perquisizione dell’uomo ha consentito di rinvenire e sequestrare una pistola Beretta cal. 7,65 con matricola abrasa avente 12 cartucce nel serbatoio, circa 230 grammi di marijuana e la somma di circa 11 mila euro.  Per quanto riguarda l’arresto dell’uomo di 43e anni, accusato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio è stato bloccato nei pressi della propria abitazione di via Campisano, è stato trovato in possesso di quasi 400 grammi di cocaina e di 2.800 euro.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti