Connect with us

Scuola

La “Festa dell’Albero” di S. M. di Licodia colora di “green” la scuola “Don Bosco”

Gli alunni dell’istituto comprensivo hanno preparato anche cartelloni ed elaborati sul tema

Pubblicato

il

L’Istituto Comprensivo “Don Bosco” di Santa Maria di Licodia è più verde. Merito dell’iniziativa portata avanti in occasione della festa dell’Albero.

Un momento di riflessione per gli studenti, che sottolinea la necessità di fare della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio ambientale una strategia quotidiana di comportamento.

Questo il senso del progetto curato dalle insegnanti Maria Grazia Sanfilippo e Giacoma Gandolfo, che ha visto gli alunni con guanti e rastrello, impegnati in un’opera di riqualificazione straordinaria degli spazi verdi della scuola. E non solo.

Gli alunni hanno preparato anche cartelloni e elaborati sul tema. Alla manifestazione erano presenti anche il sindaco, Totò Mastroianni, gli assessori, Ottavio Salamone, Gabriele Gurgone e la vice preside Loredana Rizzo.  

La giornata ecologista, ha visto anche la partecipazione dell’associazione “Pianeta D”, presieduta da Maria Carmela Nicolosi, che ha abbellito con nuove piante gli spazi davanti la Chiesa consolazione.

Deposti gli arnesi da lavoro, il messaggio che rimane è chiaro: «Attenzione all’ambiente equivale a bellezza e a rispetto». 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Primo Piano

Otto nuove classi per l’Istituto comprensivo “Giovanni Paolo II” a Piano Tavola

I lavori, con la costruzione di una nuova intera ala, dovrebbero partire entro l’estate grazie ad un finanziamento del MIUR.

Pubblicato

il

Gara d’appalto pubblicata ora si attende l’aggiudicazione per far partire gli interventi, secondo programma da avviare entro la prossima estate. I lavori in questione sono quelli relativi alla realizzazione di otto nuove classi più i servizi per l’Istituto comprensivo “Giovanni Paolo II”, nella frazione belpassese di Piano Tavola. Si tratta di un’intera nuova sezione scolastica che verrà costruita, realizzando un primo piano, sopra l’attuale ala est.

L’opera, finanziata dal MIUR per un importo complessivo di circa 700 mila euro, andrà a risolvere un problema di spazi per gli studenti, ormai decennale. Il crescente numero di residenti negli ultimi anni, per Piano Tavola e la presenza di un unico Istituto comprensivo si sono rivelati, infatti, un problema per la popolazione scolastica, costretta a far lezione in spazi reinventati (laboratori in testa), sottraendo le aree comuni ad altre attività didattiche.

«Abbiamo raggiunto l’obiettivo. L’appalto per veder partire i lavori, necessari alla realizzazione di un intero nuovo piano all’Istituto comprensivo “Giovanni Paolo II”, a Piano Tavola, è realtà. Sono particolarmente contento, visto che questo progetto l’ho personalmente seguito quando ricoprivo la carica di vicesindaco al Comune di Belpasso, durante la sindacatura di Carlo Caputo e l’ho continuato a seguire da deputato regionale, insieme all’attuale sindaco, Daniele Motta. Insieme abbiamo lavorato per risolvere un problema importante per la popolazione scolastica di Piano Tavola. Un grazie anche ai dipendenti del Comune di Belpasso che si sono spesi per permettere di arrivare a questo risultato.»

Dotando la scuola di nuovi spazi destinati ad aule, si potranno riconvertire gli spazi comuni da destinare a laboratori e aule studio, per una scuola sempre più a misura di studente.

Continua a leggere

In Primo Piano

A Paternò, restano i doppi turni per gli studenti del II circolo; attesa per i lavori

Fallisce l’ipotesi di poter utilizzare le aule del plesso dell’ex scuola “Don Bosco”. Le aule non hanno l’impianto di riscaldamento attivo.

Pubblicato

il

Restano i doppi turni al plesso di via Libertà, per gli studenti del II circolo didattico e, questa volta, al turno scolastico pomeridiano saranno coinvolti anche gli alunni del plesso centrale di via Vulcano.

La decisione arriva dopo l’annuncio dell’Amministrazione comunale che i locali alternativi da utilizzare, inizialmente ipotizzati, corrispondenti al plesso scolastico della scuola Don Bosco, da qualche anno in disuso, non sono idonei.

Una doccia fredda per i genitori degli studenti, ma anche per gli stessi alunni, costretti a dire addio alle attività pomeridiane extracurriculari, in testa la pratica sportiva.

La soluzione, indicata poco più di una settimana fa come certa, si sgonfia rapidamente e tra i genitori cresce il dissenso.

La dirigente della struttura scolastica, Daniela Tomasello, ha tentato in questi giorni, altre strade, chiedendo aule ad altre Istituzioni scolastiche, ma l’unico a rispondere affermativamente è stato l’Istituto comprensivo “G.B.Nicolosi” che ha messo a disposizione due aule.

L’ amministrazione comunale tenta di trovare una soluzione alternativa, con l’avvio dei lavori. «Ci siamo già visti con la ditta che dovrà realizzare l’intervento – evidenzia l’assessore ai Lavori pubblici, Luigi Gulisano -. Nel bilancio dell’Ente, insieme all’assessore al Bilancio, Ezio Mannino, abbiamo trovato le somme necessarie. Si tratta di 50 mila euro, necessari per rifare la copertura, con la sistemazione della guaina, ma solo per la zona che ospita il II circolo didattico. Questo perché, la nostra priorità, resta far rientrare gli studenti a scuola, mettendo fine ai doppi turni. I lavori dovrebbero partire la prossima settimana.» Tempo stimato, secondo quanto dichiarato dall’assessore Gulisano, per la fine degli interventi: 30 giorni.

Continua a leggere

Trending