Connect with us

Cronaca

Paternò, incidente mortale sulla A19: a perdere la vita un uomo di 38 anni

Ancora da chiarire la dinamica del sinistro verificatosi nei pressi dello svincolo di Gerbini, tre le auto coinvolte.

Pubblicato

il

E’ un uomo di 38 anni di Castel di Iudica, nel Catanese, la vittima dell’incidente  stradale che è avvenuto ieri sera, poco prima delle ore 22, lungo la A19, la Palermo – Catania, nei pressi dello svincolo di Gerbini, in territorio di Paternò, all’altezza del km 174+900 in direzione Catania. La dinamica del sinistro è al vaglio della Polstrada di Catenanuova e Enna, intervenuta sul luogo del sinistro per effettuare i rilievi del caso e regolare il traffico veicolare.

Quest’ultimo, in quel tratto di strada, ha subito degli inevitabili rallentamenti. Tre le auto coinvolte nell’incidente di Gerbini. La vittima viaggiava da solo su una Golf Volkswagen. Una donna che si trovava in una delle tre autovetture rimaste incidentate è rimasta leggermente ferita.  Sul posto personale medico del 118: inutili i tentativi di rianimare l’uomo, morto a seguito delle feriti riportate nell’incidente. Presenti anche i vigili del fuoco del distaccamenti di Paternò e Catania Sud, i quali hanno messo in sicurezza i mezzi coinvolti nella tragedia.

Pompieri che hanno dato  un supporto anche alle squadre di soccorso e alla polizia stradale presenti sulla A19. Allertati, da parte della Polstrada, gli uffici del comune di Paternò per richiedere un supporto tecnico. Il magistrato di turno ha disposto il trasferimento della salma al Policlinico di Catania. Solo a notte fonda la situazione sulla A19 è tornata alla normalità.

E’ quello di ieri sera è stato il secondo incidente mortale che si è registrato in meno di 12 ore sulle strada del catanese. Ieri mattina, infatti, sulla SS 417 (Catania-Gela), in territorio di Caltagirone, aveva perso la vita, a seguito di uno scontro tra un autocarro e una Mercedes, un tassista di 29 anni di Gela. L’uomo sarebbe morto sul colpo. 

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending