Connect with us

Cronaca

Biancavilla, incidente mortale in via della Montagna

A perdere la vita un giovane biancavillese

Pubblicato

il

Biancavilla piange un altro suo figlio a seguito del gravissimo incidente stradale verificatosi poco prima dell’una di questa notte in via della Montagna a Biancavilla. Ad avere la peggio Vincenzo Tomasello, 20 anni di Biancavilla, che viaggiava come passeggero a bordo di una moto condotta da un amico di 24 anni che si è scontrata contro una Citroen che viaggiava in senso opposto. Secondo le prime ricostruzioni, il giovane, dopo l’impatto, avrebbe fatto un volo di diversi metri impattando violentemente sull’asfalto e perdendo la vita sul colpo.  Il conducente del veicolo a due ruote, un 24 enne sempre di Biancavilla, che ha riportato diverse ferite e traumi, è stato trasportato al Cannizzaro di Catania dove si trova ricoverato in prognosi riservata. Alcuni traumi ed un forte stato di shock, invece, per la 21enne biancavillese che si trovava a bordo dell’automobile rimasta coinvolta nell’impatto. La ragazza è stata trasportata al vicino pronto soccorso dell’ospedale Maria Santissima Addolorata, dove ha ricevute le cure del caso. Sul posto sono intervenute tre ambulanze del 118 ed i Carabinieri della compagnia di Paternò che dovranno adesso ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

Tanto il dolore e lo sgomento in città per la perdita del giovane Vincenzo, che faceva parte anche dell’Oratorio “Don Pino Puglisi”. “Da qualche ora sto rivivendo sensazioni che speravo di non rivivere più” ha scritto sui social il responsabile dell’oratorio biancavillese Giuseppe Santelena. “Un’altra giovane vita spezzata, in un millesimo di secondo. Il nostro Oratorio perde un altro pezzo, ma ne acquista un altro in cielo, da dove Vincenzo ci guarderà. Caro Vincenzo, io e tu sappiamo quanto ci legava, anzi quanto ci lega, perché non sarà mai possibile cancellare. Ti porterò sempre nel mio cuore, insieme ai tanti ricordi che in queste ore mi scorrono in mente”.

Ad intervenire sulla tragedia avvenuta questa notte, anche il primo cittadino di Biancavilla Antonio Bonanno: “La nostra comunità piange la scomparsa del giovane Vincenzo Tomasello, morto in un incidente stradale. Sento il dovere di esprimere il mio personale cordoglio e quello di tutta la città alla famiglia del giovane. Con Vincenzo vola via anche un pezzo del nostro cuore”.

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending