Connect with us

Cronaca

Ladri d’arance a Motta Sant’Anastasia: ne avevano caricate 500 kg in auto

Sorpresi dai carabinieri mentre rubavano in un agrumeto: in due finiscono agli arresti domiciliari

Pubblicato

il

I Carabinieri della Stazione di Motta Sant’Anastasiahanno arrestato i catanesi Giovanni Trifiletti e Gaetano Vasta, rispettivamente di 37 e 23 anni, per il reato di furto aggravato.

Con l’approssimarsi della maturazione dei frutti, ricomincia purtroppo anche la stagione dei furti dei prodotti agrumicoli nella campagne e pertanto, in ottemperanza delle disposizioni prefettizie impartite in ambito provinciale, i militari hanno attivato uno specifico piano di controllo del territorio.

Nella notte di domenica scorsa infatti i militari, transitando per le campagne lungo la Strada Statale 192, hanno notato a distanza una luce che, stante l’ora, mal si confaceva con il contesto rurale della zona.

Avvicinatisi a luci spente all’interno di un agrumeto, i militari hanno sorpreso due uomini tra i filari delle piante mentre, che con l’ausilio di una lampada stavano depredando gli alberi di una proprietà privata.

Immediatamente bloccati, i carabinieri hanno accertato che i due avevano già caricato su una Lancia Y ben 500 kg di arance dei quali, manco a dirlo, non sapevano dare spiegazione e, ragion per la quale, sono stati arrestati.

I due sono stai posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza per direttissima.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Incendio auto a Paternò, la sosta selvaggia blocca i soccorsi

Paura tra i residenti. Impossibile far transitare l’autobotte dei Vigili del fuoco (guarda il video)

Pubblicato

il

Auto in fiamme questa notte in via Lombardo, traversa di via Fallica, a Paternò. Scattato l’allarme per richiedere gli interventi, l’autobotte dei Vigili del fuoco del distaccamento paternese non è riuscita a passare per le auto in sosta lungo l’asse viario.

Continua a leggere

Cronaca

Biancavilla, arrestato dalla polizia 22enne per detenzione di droga, arma e munizioni

Ad arrestarlo gli agenti del commissariato di Adrano, i quali da tempo avrebbero avuto il sospetto che potesse detenere dello stupefacente

Pubblicato

il

Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente nonché di arma da fuoco clandestina e delle relative munizioni. Sono i reati contestati dagli agenti del commissariato di Adrano ad un uomo  di 22 anni di Biancavilla che è stato  arrestato dai poliziotti adraniti. Gli agenti da tempo avrebbero avuto il sospetto che l’uomo potesse detenere all’interno della propria abitazione della droga; cosi  i poliziotti hanno predisposto un mirato servizio di appostamento finalizzato ad accertare la fondatezza di tale sospetto.

Avuta la certezza  che il 22enne si trovasse all’interno della propria abitazione, i poliziotti hanno deciso di accedervi e di procedere alla perquisizione di tutti i locali di sua pertinenza. All’interno del garage, i poliziotti hanno rinvenuto diverse buste contenenti più di 600 involucri di marijuana. Le dosi erano pronte per essere immesse sulla piazza di spaccio di Biancavilla. Procedendo nella perquisizione, i poliziotti hanno trovato, occultato all’interno di una scatola, un fucile a doppia canna, calibro 16, con matricola abrasa; dentro la stessa scatola si trovavano anche 16 cartucce di cui due già inserite e pronte a essere esplose. La perquisizione ha portato inoltre al rinvenimento di 3 bilancini di precisione, solitamente utilizzati per pesare la quantità di sostanza stupefacente necessaria per il confezionamento delle singole dosi e materiale per il confezionamento della marijuana. Il biancavillese è stato arrestato e condotto nel carcere di Catania Piazza Lanza.

 

Continua a leggere

Trending