Connect with us

Eventi

Meno medaglie più diritti per i Vigili del Fuoco in sciopero davanti la sede di Catania

Al centro della protesta anche le problematiche che investono i distaccamenti di Adrano e Paternò

Pubblicato

il

Hanno protestato per ore davanti la sede di via Cesare Beccaria a Catania per rivendicare i propri diritti. Parliamo dei Vigili del Fuoco, che hanno aderito in massa allo sciopero provinciale indetto dall’Unione Sindacale di Base. Al centro del sit-in anche le problematiche che investono i distaccamenti di Adrano e Paternò.

«Le condizioni peggiorative del dispositivo di soccorso catanese – si legge in una nota diffusa da Carmelo Barbagallo, coordinatore regionale USB Vvf Sicilia – l’indifferenza delle istituzioni e le conosciute problematiche in cui sono costretti a lavorare i Vigili del Fuoco ( oltre le pacche sulle spalle, nulla più), il procastinarsi di interventi seri da parte di una amministrazione sorda ( vari sono stati i tentativi di conciliazione espletati) hanno costretto nuovamente la categoria a  protestare, a scioperare!». 

«È emblematico – continua Barbagallo – vedere visite istituzionali continue nel territorio che, allo stato attuale, hanno portato; promesse, pacche sulle spalle, medaglie e nulla più!». E per tali ragioni inascoltate, l’eco della protesta risuona sempre più forte.

Nel territorio siciliano, ma soprattutto catanese, serve investire urgentemente su, risorse, attrezzature e riclassificazione alla massima categoria: SD5. Il riferimento va alla sede di Paternò che copre un territorio vastissimo. E lo stesso discorso vale per Acireale, Riposto e Caltagirone. Così come bisogna fornire attrezzature ai distaccamenti ad alto rischio sismico. Vedi Adrano e Randazzo.

«Le problematiche sono molteplici, noi vogliamo, meno medaglie e più rispetto – conclude Barbagallo -. Noi Vigili del fuoco, non guadagniamo 6000 al mese, (soldi che forse solo in 4 mesi riusciamo a percepire). Chi dà notizie del genere, dovrebbe informarsi e non commettere certi errori, specialmente se rappresenta il popolo!». Con questo finale Barbagallo ne approfitta per lanciare una frecciatina all’onorevole Gianfranco Miccichè, reo di aver addebitato ai pompieri guadagni da capogiro.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi

Biancavilla. Oggi la cerimonia del “Giorno del Ricordo”

Prefetto Librizzi consegna medaglie a parenti di due vittime delle Foibe

Pubblicato

il

È stata la città di Biancavilla, su indicazione della Prefettura di Catania, ad ospitare quest’anno nel territorio la cerimonia ufficiale del “Giorno del Ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale. L’evento si è tenuto nell’aula magna ‘Falcone e Borsellino’ della scuola media “Sturzo”, alla presenza del Prefetto di Catania Maria Carmela Librizzi, accolta dal sindaco Antonio Bonanno e dal presidente del Consiglio comunale Martina Salvà.

“Le giornate del ricordo (Shoah, Foibe, terrorismo e stragi) – ha sottolineato il prefetto – sono importanti per la civiltà di un paese e materia fondamentale per le scuole, le istituzioni, la comunità. Ed è per questo che vogliamo qui oggi all’interno di un istituto scolastico, con il coinvolgimento dei ragazzi, richiamare alla memoria questo tragico evento per riflettere e per condannare ogni forma di prevaricazione e violenza comunque e verso chiunque si manifesti.”

Alla cerimonia di Biancavilla, moderata dal dott. Salvuccio Furnari, hanno dato un contributo importante i ragazzi della scuola ‘Sturzo’ diretta da Concetta Drago. Gli studenti hanno letto delle riflessioni dedicate alla tragedia delle foibe. Uno dei docenti dell’istituto, Vincenzo Randazzo, ha tracciato un breve quadro storico della vicenda rimasta fuori per tanti anni dai libri di storia.“In questa scuola, da studente – ha osservato il sindaco Bonanno – non ero venuto a conoscenza di una tragedia, quella delle foibe, rimasta occultata per mezzo secolo. È esercitando la memoria condivisa che onoriamo figure come i nostri Salvatore Furno, infoibato, e Gerardo Sangiorgio, rinchiuso nei lager: uomini coraggiosi che hanno rischiato la loro vita per salvarne altri dalla ferocia della persecuzione.”

Il Prefetto ha consegnato i riconoscimenti ai parenti di due vittime infoibate: il biancavillese Salvatore Furno e Alfredo Santin. Salvatore Furno, insegnante nativo di Biancavilla, fu catturato dai partigiani jugoslavi a Muggia e condotto a Capodistria da, il 25 maggio 1945, fu deportato in località sconosciuta. Da quel momento non si seppe nulla di lui. A ritirare le due medaglie commemorative dedicate a Furno sono stati i pronipoti, Maria Furno e Franco Furno.

Alfredo Santin aveva 18 anni. La sua salma venne rinvenuta nella foiba di Carnizza di Dignano d’Istria (Pola) il 18 dicembre 1943, presumibilmente gettatovi ancora vivo dai partigiani titini.A ritirare la medaglia dedicata a Santin è stata la nipote Alessandra Gangi. A consegnargliela assieme al perefetto anche l’assessore del Comune di Catania Michele Cristaldi.A conclusione della cerimonia, nel piazzale antistante la scuola, gli studenti hanno piantato un albero per onorare la memoria del loro concittadino. Il Prefetto e il sindaco hanno scoperto la ‘Pietra del Ricordo’ intitolata a Salvatore Furno: “Unico destino è la fratellanza e la pace” si legge sulla lapide.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti