Connect with us

Cronaca

Mineo, arrestati 5 paternesi autori di un furto di rame all’interno dell’ex CARA

Si tratta di cinque uomini aventi un età compresa tra i 25 ed i 44 anni, accusati di “furto aggravato in concorso”

Pubblicato

il

Militari dell’Arma del comando stazione di Mineo, in sinergia con i colleghi di Scordia e del nucleo radiomobile della compagnia di Palagonia, hanno arrestato cinque  uomini di Paternò aventi un età compresa tra i 25 ed i 44 anni, accusati di “furto aggravato in concorso”.  Nel mirino dei malviventi la struttura abitativa “Residence degli aranci” di  Mineo,  un’enorme complesso residenziale costituito da 404 appartamenti, che si estende per circa 30 ettari, inizialmente destinato ad accogliere i militari americani della vicina base aerea di Sigonella, ma successivamente utilizzato (fino al luglio del 2019) come centro di accoglienza per richiedenti asilo finanziato dallo Stato (cosiddetto  “C.A.R.A.”).

L’enorme complesso residenziale da alcuni mesi è oggetto di ruberie di strutture metalliche, soprattutto manufatti in rame, la cui razzia ha provocato alla società proprietaria danni ben superiori al milione di euro. I carabinieri hanno monitorato attentamente il sito predisponendo un dispositivo di sorveglianza, con l’utilizzo di sistemi di fototrappole e impianti di videosorveglianza a rilevamento termico per poter sorprendere i malviventi in flagranza.

In uno degli innumerevoli servizi di appostamento, intorno alle 23  i carabinieri hanno individuato la presenza di cinque uomini all’interno del perimetro del residence, i quali  hanno abbattuto un tratto della recinzione esterna e dedicandosi poi allo smantellamento delle strutture.

Inconsapevoli di essere controllati a distanza dai carabinieri,  i 5 uomini  hanno caricato 500 kg di rame sino a quel momento trafugati su un furgone Citroen con il quale, “scortati” da una Volkswagen Golf, si sono allontanati lungo la SS417 in direzione di Catania. Immediato l’inseguimento dei carabinieri che hanno fermato sia il furgone che l’autovettura, nonché arrestato i cinque componenti della banda. Quattro sono finiti in carcere mentre per il quinto ladro è stata applicata la misura degli arresti domiciliari essendo l’unico incensurato.

Cronaca

Catania, cinque rapine ai danni di studenti universitari, denunciato un 29enne

Il giovane avrebbe avvicinato per strada gli studenti per poi rapinarli dello smartphone e dei soldi, in caso di resistenza i ragazzi sarebbero stati minacciati con un coltello a serramanico

Pubblicato

il

A Catania gli agenti del commissariato di ” Borgo Ognina” hanno denunciato un rapinatore seriale di 29 anni che, da qualche settimana, avrebbe  preso di mira diversi studenti universitari, frequentanti la Cittadella Universitaria di via Santa Sofia.  Con una scusa banale, il giovane avrebbe avvicinato per strada gli studenti per poi rapinarli dello smartphone e dei soldi.

 

In caso di resistenza i ragazzi sarebbero stati  minacciati pure con un coltello a serramanico.  Nella prima settimana di maggio si sono registrate  cinque rapine, tutte prontamente denunciate dalle vittime. Sono stati gli studenti e le studentesse a rivolgersi alla Polizia di Stato che ha avviato una indagine. I poliziotti sono riusciti a mettersi sulle tracce dell’autore. Nello specifico, gli studenti universitari hanno fornito elementi decisivi per risalire all’identità del rapinatore, fornendo dettagli precisi sulla fisionomia e sull’auto utilizzata. 

 

 In questo modo i poliziotti hanno individuato il 29enne che è stato successivamente riconosciuto dalle vittime.  Al termine delle attività di rito, il giovane, attualmente in arresto per fatti analoghi, è stato denunciato per rapina.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, morto un ciclista sulla SS284, probabilmente per un malore improvviso

Sul posto per soccorrere l’uomo personale medico del 118 il quale non ha potuto fare altro che appurare l’avvenuto decesso.

Pubblicato

il

Aveva 69 anni il ciclista di Adrano deceduto nella tarda mattinata di oggi, poco prima delle ore 12.30, sulla statale 284 (Paternò- Randazzo) nel tratto ricadente nel territorio di Adrano.

Il ciclista(non è chiaro se fosse con altri ciclo amatori oppure da solo) mentre percorreva la statale a bordo della bici, in direzione Adrano, avrebbe accusato un malore che lo avrebbe fatto cadere violentemente sull’asfalto. Sul posto per soccorrere l’uomo personale medico del 118 il quale non ha potuto fare altro che appurare l’avvenuto decesso.

Presenti anche agenti del locale commissariato. La  salma su disposizione del magistrato di turno è stata restituita ai familiari, mentre sulla statale il traffico ha subito notevoli rallentamenti.

Continua a leggere

Trending