Connect with us

Cronaca

Paternò, in manette un 19enne accusato di detenzione ai fine di spaccio

Il giovane all’arrivo di carabinieri aveva tentato di disfarsi della droga lanciandola dal balcone di casa

Pubblicato

il

Manette ai polsi per Alfio Musarra, 19 anni, arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Paternò, i quali con il supporto del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno accertato che il giovane dentro casa avesse della droga. Musarra è accusato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. In particolare i militari dell’Arma venendo a conoscenza che il giovane fosse dedito allo spaccio hanno avviato una specifica indagine, che ha consentito, successivamente ai carabinieri di effettuare una perquisizione nell’abitazione del ragazzo, sita in via Asmara, non distante dalla parrocchia  San Giovanni Bosco.

Alfio Musarra all’arrivo dei militari ha temporeggiato nell’aprirgli il portone d’ingresso, provando a disfarsi, da quanto accertato dalle forze dell’ordine, della droga detenuta in casa. I carabinieri avrebbero notato  il 19enne affacciarsi dal balcone retrostante e lanciare una busta di cellophane in direzione di una casa disabitata. Successivamente ha aperto ai militari i quali, grazie al fiuto del cane “Zero”, avrebbero subito trovato un involucro contenente qualche grammo di marijuana, nonché il materiale per il confezionamento della droga.  A seguito delle operazioni per il recupero di quanto lanciato da Musarra, in tal caso è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco,  sul balcone dell’abitazione abbandonata e prospiciente a quella del ragazzo, i carabinieri della compagnia di Paternò, hanno rinvenuto una busta di plastica contenente 155 dosi di marijuana ed un bilancino di precisione, nonché ancora, distaccatosi durante il lancio e caduto lungo via Fiume, un involucro contenente ulteriori 15 dosi di “erba”. Musarra è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Catania, arrestato dalla polizia 41enne “manesco” avrebbe aggredito madre e figlio

Agli agenti la donna, che sarebbe stata presa a pugni e fatta cadere per terra, ha raccontato che da circa sei mesi il figlio era diventato aggressivo nei suoi confronti e del fratello della donna

Pubblicato

il

A Catania una donna di 76 anni residente nella zona di Viale Mario Rapisardi, dopo essere stata aggredita insieme con il fratello per futili motivi per l’ennesima volta dal figlio 41enne originario di Palermo ma residente a Catania , ha chiesto aiuto al numero unico di emergenza, facendo arrivare la Polizia, che ha arrestato l’uomo per maltrattamenti in famiglia e lesioni.

Agli agenti la donna, che sarebbe stata presa a pugni e fatta cadere per terra, ha raccontato che da circa sei mesi il figlio era diventato aggressivo nei suoi confronti, dapprima solo verbalmente mentre nell’ultimo periodo anche con aggressioni fisiche e particolarmente violente anche nei confronti del fratello della donna che abita con loro. Quella sera la lite sarebbe nata in quanto l’uomo aveva lasciato aperta la porta d’ingresso dell’abitazione probabilmente per consentire l’ingresso in casa di un amico. Non appena la madre però aveva chiuso la porta, l’uomo è andato su tutte le furie. L’escalation degli atteggiamenti violenti del figlio nei confronti della madre avevano richiesto negli ultimi giorni diversi interventi delle forze dell’ordine.

In uno di questi casi il 41enne aveva aggredito madre e zio dopo che nel pomeriggio con la carta bancomat della madre aveva prelevato un’ingente somma di denaro. Alla richiesta della donna su cosa dovesse fare con quei soldi e sulla restituzione almeno di una parte del denaro, il figlio era andato in escandescenze ed aveva malmenato madre e zio. La madre aveva comunque rifiutato le cure dei sanitari; il fratello aveva fatto ricorso alle cure mediche. Dell’arresto è stato informato il Pm di turno, che ha disposto che il 41enne fosse rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza in attesa del giudizio di convalida innanzi al Gip, al termine della quale, convalidato l’arresto, è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

 

Continua a leggere

Cronaca

S.M. di Licodia, investe motociclista in via Vittorio Emanuele e scappa

L’incidente è avvenuto tra via Vittorio Emanuele e via Monte Grappa

Pubblicato

il

Un incidente si è verificato intorno alle 23:15 di questa sera in via Vittorio Emanuele, angolo via Monte Grappa a Santa Maria di Licodia. Secondo le prime ricostruzioni sembrerebbe che il ragazzo, un licodiese di 17 anni, che si trovava a bordo di un veicolo a due ruote e che stava percorrendo via Vittorio Emanuele, sia stato investito da un’automobile che da via Monte Grappa si immetteva sulla strada principale. Il conducente dell’auto sarebbe poi fuggito senza fermarsi e senza prestare soccorso. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi e sul posto sono giunti i sanitari del 118, per prestare le prime cure. Il giovane avrebbe riportato un trauma al ginocchio.

Sarà compito dei Carabinieri della Compagnia intervenuti sul posto, adesso, dover identificare il pirata della strada. Secondo quanto appreso, un testimone sarebbe riuscito a segnare la targa del veicolo, che dovrebbe essere riconducibile ad una station wagon di colore grigio. Anche eventuali telecamere presenti nella zona, potrebbero venire in supporto degli investitori per ricostruire con esattezza la dinamica dell’incidente e rintracciare il responsabile.

Immagine di repertorio

Continua a leggere

Trending