Connect with us

Cultura

S. M. di Licodia, premio “Giglio d’oro San Giuseppe” celebra le eccellenze locali

Riccardo Spoto: «Premio nato per dare un giusto riconoscimento alle personalità licodiesi che si contraddistinguono nei vari campi»

Pubblicato

il

Si è tenuta ieri 27 agosto in piazza Umberto I  a Santa Maria di Licodia, la prima edizione del premio “Il Giglio d’oro – San Giuseppe” promosso dal locale Comitato dei festeggiamenti di San Giuseppe con la collaborazione dell’amministrazione comunale. Un riconoscimento, ideato dal Comitato per rendere omaggio a una selezione di personalità e associazioni licodiesi che hanno lasciato un’impronta significativa nell’ambito dello spettacolo e della cultura licodiese e non solo. Una prima edizione caratterizzata da un’atmosfera di emozione e celebrazione che ha visto salire sul palco, tra i premiati, Don Santo Salamone per il suo decennale impegno pastorale a favore della comunità licodiese, Luigi Sanfilippo storico licodiese che della ricerca delle origini del suo amato paese – e non solo – ne ha fatto una ragion di vita, Zelda Carciola come presentatrice dei principali eventi sul territorio e l’associazione musicale “G.Pacini” rappresentata dal suo presidente Antonino Parasiliti e da Yuri Furnari per essere fucina di giovani talenti e luogo di cultura. Ad essere premiato – ha ritirato il premio il fratello, in quanto assente per motivi di lavoro – anche lo chef licodiese Alessandro Ingiulla, prima Stella Michelin a Catania.

Una menzione particolare è stata assegnata allo stesso Comitato dei festeggiamenti in quanto organo propulsore per l’organizzazione della festa che negli anni tramanda e mantiene viva la tradizione di una ricorrenza che va avanti dalla prima metà del ‘700 fino ai giorni nostri. Un evento che non si è limitato dunque alla semplice assegnazione dei premi, ma che ha trasmesso un messaggio di speranza e impegno culturale e sociale per rendere Santa Maria di Licodia un paese migliore, che passa anche attraverso la valorizzazione del talento locale e il sostegno della cultura come elemento vitale per la crescita di una società.  In un mondo in cui la musica, la storia, la cucina e lo spettacolo sono fondamentali per l’identità di una comunità, il premio “Giglio d’oro” brilla come un esempio luminoso di come sia possibile coltivare e celebrare l’eccellenza in tutte le sue forme.

Cultura

A Paternò, successo per gli appuntamenti di “Arte Natale 2023”

Pubblicato

il

L’appuntamento è fissato per domani, 28 dicembre, a partire dalle 17:30, al Piccolo teatro di Paternò.

Organizzato dall’ente del terzo settore “Musica&Movimento a.p.s.”, con la collaborazione del Comune di Paternò e della Pro Loco, si terrà lo spettacolo “Natale Dentro”.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività svolte ogni anno dall’associazione  augurare buone feste alla comunità paternese. Novità di quest’anno sarà l’esibizione, oltre ai soci dell’associazione, dei ragazzi dell’Accademia musicale che studiano nel VMS Sicilia.

Durante la serata prevista una raccolta fondi, i cui proventi saranno destinati alla Fondazione Zanzibar Help.

Intanto, in queste festività natalizie appena trascorse, successo per “Natale 1223”, organizzato dall’Ordine Francescano Secolare, della Chiesa di San Francesco all’Annunziata (i Cappuccini); ed ancora, del “presepe medioevale” sulla collina storica e per i “Tableaux Vivants”, i quadri viventi, nella Chiesa di Santa Maria in Valle di Josaphat. Questi ultimi due appuntamenti torneranno domani, a partire dalle ore 18.

Continua a leggere

Cultura

Catania culturale: A Villa Ardizzone, successo per “In arte donna”

All’evento, correlati momenti di cultura, con la presentazione del libro, “La casa del carrubbo” e una conferenza su Maria Callas

Pubblicato

il

Due giorni intensi, tra letteratura, musica e arte. “Villa Ardizzone”, a Catania, ancora una volta, diventa fucina culturale: luogo dove si ascolta, ci si confronta, si ammirano opere d’ingegno, frutto del lavoro di laboriose mani; luogo di arricchimento, dove l’espressione delle diverse forme d’arte diventa tangibile.

Ad aprire gli eventi l’omaggio a Maria Callas, il più grande soprano di tutti i tempi, con “In ricordo di Maria Callas”. Nel centenario dalla nascita della “divina”, avvenuta il 2 dicembre del 1923, la Società catanese amici della musica (SCAM), ha organizzato un momento di confronto sulla figura del soprano, con relatrice la presidente della SCAM, Anna Rita Fontana. Altro evento culturale, poi, la presentazione del libro “La casa del carrubbo”, di Barbara Bellomo. A dialogare con l’autrice, Gabriella Congiu, con l’evento curato da Mondadori bookstore.

A far da cornice agli appuntamenti è stata l’esposizione d’artigianato tutta al femminile, denominata “In arte donna”, con la supervisione di Floreana Calì. Donne d’arte, tutte hobbiste, che hanno trasformato la passione per l’artigianato in una seconda missione nella vita, dando vita a creazioni esclusive. Dalla produzione all’uncinetto, alla bigiotteria d’arte con la realizzazione di gioielli, dai
profumi personali, agli accessori per la casa, dalle ceramiche, al tovagliato d’autore, dall’abbigliamento, agli accessori personali, ogni pezzo è unico, rigorosamente lavorato a mano.

«Noi ci occupiamo tutte di altro professionalmente – dice Floreana Calì -, ma abbiamo la passione per l’artigianato. Nel tempo libero e ognuna secondo le proprie capacità e inclinazioni, realizziamo le nostre opere d’arte. Da qui abbiamo deciso di riunirci, senza alcuna organizzazione alle spalle, per poter far vedere quello che sappiamo fare.»

Ed eccole le signore con i loro nomi d’arte: Aghi, Ciurì, Cognat Lab, FriulaneNanà, Giulia Leone, Il giardino segreto, Libra collection, Lilli creazioni, Mariterì, Sarah Miceli e Silvia Bonaccosi.
La due giorni è stata arricchita dall’esposizione delle tele della pittrice Mariella Auteri e da altri momenti di cultura, grazie all’intermezzo musicale, a cura del maestro Antonio Privitera; ed ancora, il laboratorio in cucina, a cura di Elena La Delfa e Laura Forzese e l’area food con “La fabbrica del gusto” e “Sicilyum” e l’evento beauty, a cura della make up artist, Cristina Strano.

«Sono stata davvero felice di ospitare questa mostra-evento – afferma Rosina Ardizzone, di “Villa Ardizzone” -. Mi sono domandata qual è il legame che unisce l’artigianato al Liberty.. In realtà esiste ed è molto profondo, perché lo spirito del liberty era quello di promuovere anche le arti minori, quindi la creazione di oggetti unici di vetro, in ferro e di qualsiasi altro materiale, in opposizione alla massificazione e alla produzione in serie della seconda rivoluzione industriale.»

Continua a leggere

Trending