Connect with us

Eventi

Santa Maria di Licodia, festa grande in città per i 100 anni di nonno Tano Erba

Circondato dall’affetto dei due figli, sei nipoti e dalla schiera di pronipoti ha spento le sue prime cento candeline

Pubblicato

il

Una vita intensa attraverso due secoli, quella di nonno Gaetano Concetto Erba, che nel giorno dedicato all’Immacolata ha tagliato l’incredibile traguardo di cento primavere, circondato dall’affetto della sua famiglia.

Un secolo portato splendidamente. La mente lucida e gli occhi vivi, infatti, non tradiscono la sua età. Come a dire cento anni e non li dimostra. Anzi il suo fisico forte e lo sguardo attento manifestano il desiderio di godere ancora del mondo che gli sta intorno con tutti i suoi cambiamenti.  

E di cambiamenti che hanno scritto la storia, nonno  Tano, – come lo chiamano tutti -, ne ha visti molti. Testimone della grande guerra, ha visto la nascita e la decadenza del fascismo, la fine della monarchia e l’avvento della repubblica. 

La vita non gli ha risparmiato certo grandi prove, come la prematura morte del padre, i 6  anni al fronte durante la seconda guerra mondiale e la prigionia in Africa. Fu in quel periodo che conobbe il dolore di perdere sotto i suoi occhi per un bombardamento tutti i suoi compagni di guerra. In quella occasione solo per una strana coincidenza rimase vivo.

Tornato a casa ha sempre lavorato, giorno dopo giorno, nelle sue proprietà terriere, in maniera instancabile fino a pochi anni fa. Il suo segreto di longevità sta, infatti, nella serenità d’animo, nella capacità di affrontare la vita con pazienza, in uno stile di vita sano e nel suo grande amore per la moglie Giuseppina (scomparsa alcuni anni fa) e la sua famiglia. Non ultimo, nella sua passione per i libri e la poesia.

E nel giorno del suo compleanno è stato festeggiato in pompa magna dai suoi 2 figli, dai 6 nipoti e dalla schiera di pronipoti per un totale di quattro generazioni a confronto, e sarà così fino al 7 gennaio, giorno ufficiale per l’anagrafe.

Dopo la partecipazione alla Santa Messa, celebrata da Padre Santino Salamone, sono arrivati gli auguri del sindaco, Totò Mastroianni, del vice sindaco, Mirella Rizzo e del presidente del Consiglio, Giovanni Buttò, che gli hanno consegnato una targa ricordo a nome della città. 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi

Biancavilla. Oggi la cerimonia del “Giorno del Ricordo”

Prefetto Librizzi consegna medaglie a parenti di due vittime delle Foibe

Pubblicato

il

È stata la città di Biancavilla, su indicazione della Prefettura di Catania, ad ospitare quest’anno nel territorio la cerimonia ufficiale del “Giorno del Ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale. L’evento si è tenuto nell’aula magna ‘Falcone e Borsellino’ della scuola media “Sturzo”, alla presenza del Prefetto di Catania Maria Carmela Librizzi, accolta dal sindaco Antonio Bonanno e dal presidente del Consiglio comunale Martina Salvà.

“Le giornate del ricordo (Shoah, Foibe, terrorismo e stragi) – ha sottolineato il prefetto – sono importanti per la civiltà di un paese e materia fondamentale per le scuole, le istituzioni, la comunità. Ed è per questo che vogliamo qui oggi all’interno di un istituto scolastico, con il coinvolgimento dei ragazzi, richiamare alla memoria questo tragico evento per riflettere e per condannare ogni forma di prevaricazione e violenza comunque e verso chiunque si manifesti.”

Alla cerimonia di Biancavilla, moderata dal dott. Salvuccio Furnari, hanno dato un contributo importante i ragazzi della scuola ‘Sturzo’ diretta da Concetta Drago. Gli studenti hanno letto delle riflessioni dedicate alla tragedia delle foibe. Uno dei docenti dell’istituto, Vincenzo Randazzo, ha tracciato un breve quadro storico della vicenda rimasta fuori per tanti anni dai libri di storia.“In questa scuola, da studente – ha osservato il sindaco Bonanno – non ero venuto a conoscenza di una tragedia, quella delle foibe, rimasta occultata per mezzo secolo. È esercitando la memoria condivisa che onoriamo figure come i nostri Salvatore Furno, infoibato, e Gerardo Sangiorgio, rinchiuso nei lager: uomini coraggiosi che hanno rischiato la loro vita per salvarne altri dalla ferocia della persecuzione.”

Il Prefetto ha consegnato i riconoscimenti ai parenti di due vittime infoibate: il biancavillese Salvatore Furno e Alfredo Santin. Salvatore Furno, insegnante nativo di Biancavilla, fu catturato dai partigiani jugoslavi a Muggia e condotto a Capodistria da, il 25 maggio 1945, fu deportato in località sconosciuta. Da quel momento non si seppe nulla di lui. A ritirare le due medaglie commemorative dedicate a Furno sono stati i pronipoti, Maria Furno e Franco Furno.

Alfredo Santin aveva 18 anni. La sua salma venne rinvenuta nella foiba di Carnizza di Dignano d’Istria (Pola) il 18 dicembre 1943, presumibilmente gettatovi ancora vivo dai partigiani titini.A ritirare la medaglia dedicata a Santin è stata la nipote Alessandra Gangi. A consegnargliela assieme al perefetto anche l’assessore del Comune di Catania Michele Cristaldi.A conclusione della cerimonia, nel piazzale antistante la scuola, gli studenti hanno piantato un albero per onorare la memoria del loro concittadino. Il Prefetto e il sindaco hanno scoperto la ‘Pietra del Ricordo’ intitolata a Salvatore Furno: “Unico destino è la fratellanza e la pace” si legge sulla lapide.

Continua a leggere

Gli artiicoli più letti