Connect with us

Eventi

“Una donna per la giustizia”, a Paternò premio per il magistrato Marisa Scavo

La cerimonia per la consegna del riconoscimento organizzata dall’associazione “Città Viva”

Pubblicato

il

© Foto Etna News 24

Giunta alla sua nona edizione, il premio “Santa Caterina d’Alessandria”, ha voluto, quest’anno premiare l’impegno delle donne nel settore della giustizia, consegnando il riconoscimento, ad una professionista, da anni impegnata alla Procura di Catania, dove oggi ricopre il ruolo di Procuratore aggiunto. Si tratta di Marisa Scavo, punto di riferimento per il catanese, nel saper trattare, con grande sensibilità e serietà, i reati compiuti contro i più deboli, in particolare maltrattamenti in famiglia e violenza sui minori.

Il conferimento del premio, organizzato dall’associazione Città Viva, è avvenuto nel corso di una cerimonia, tenutasi nella splendida cornice della Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, a Paternò.

La consegna del premio è stata preceduta da un interessante incontro per parlare di giustizia, con l’intervento di Maria Grazia Pannitteri, presidente dell’Associazione forense di Paternò; Angela Chimento, avvocato specializzato nel diritto di famiglia; Daniela Rapisarda, sostituto procuratore presso il Tribunale di Enna.

All’evento erano presenti le Istituzioni politiche e militari della città, con in testa il sindaco, Nino Naso. La serata è stata allietata dalla potente voce della cantante Rita Corsaro e dalla lettura di una poesia dedicata alle donne, recitata dall’attore paternese, Giuseppe Parisi.

Presente anche il maestro Barbaro Messina, inventore della pietra lavica ceramicata ed autore dell’opera artigianale “premio Santa Caterina”.

Nel ricevere il premio il magistrato Marisa Scavo, ha evidenziato le conquiste che la donna ha ottenuto nel settore della giustizia, non senza lottare, nel corso dei secoli. E’ stato necessario superare ostacoli che a volte sono sembrati insormontabili, aggirati solo grazie alla caparbietà delle donne stesse, in quel voler, giustamente, una parità di genere reale e non fittizia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Carnevale 2023, gli eventi di Acireale e Misterbianco

Pubblicato

il

E’ grande attesa per la festa più esilarante dell’anno: il  Carnevale 2023 è ormai alle porte e quest’anno c’è tanta voglia di festeggiare, soprattutto perché si è ulteriormente allentata la maglia delle restrizioni. In Italia la festa è molto sentita e i carnevali di Venezia e Viareggio sono conosciuti in tutto il mondo e attirano turisti da ogni dove pronti a immergersi in una colorata atmosfera fatta di mascherine, coriandoli, carri allegorici, abiti pittoreschi, balli e musica. Il periodo del Carnevale (secondo il rito romano) inizia la domenica della Settuagesima, segue il Giovedì grasso e si chiude col Martedì grasso, passando per la domenica di Carnevale. Quest’anno la data da segnare sul calendario è domenica 5 febbraio, quella in cui ha ufficialmente l’inizio del Carnevale 2023, esattamente 70 giorni prima della domenica di Pasqua (che cade quest’anno il 9 aprile), per concludersi il 21 febbraio , cioè il martedì grasso. Diverso, invece, è il rito ambrosiano a Milano dove i festeggiamenti durano di più e vanno avanti fino al sabato che precede la prima domenica di Quaresima.

Il Carnevale nella provincia etnea

Anche in Sicilia la festa è molto sentita, nella provincia etnea sono infatti  quelli di Acireale e Misterbianco i carnevali più belli e i più attesi.  Il primo famoso per gli scenografici carri allegorici, il secondo per i costumi, ma entrambi si caratterizzano per essere allegri, festosi e colorati.

Carnevale Acireale 2023

Molto attesi sono poi gli spettacolari carri allegorici, che ogni anno attirano le migliaia di persone che accorrono da tutta l’Isola (e non solo) per ammirarli.  Anche quest’anno per godere della festa si dovrà pagare un ticket d’ingresso acquistabile online, presso il sito ufficiale dell’evento. Ecco le date:

  • Sabato 4 febbraio si parte alle ore 10:00 con l’ Esibizione dei Carri Allegorico Grotteschi
    lungo il circuito e la Sfilata Maschere Isolate. Alle ore 15:30 Cerimonia di apertura, consegna chiave della Città alla Madrina del Carnevale 2023, si prosegue con la Grande Parata a piazza Duomo e la presentazione ufficiale delle opere Allegoriche in Concorso. A inaugurare la prima serata alle ore 21:00 ci sarà NINO FRASSICA & LOS PLAGGERS
  • Nella giornata del 5 febbraio 2023, si svolgerà la Grande Parata dei Carri Allegorico Grotteschi, Gruppi Mascherati e Maschere Isolate dalle 10:30 alle 21:30. Dopo la sfilata, la cantante Deborah Iurato si esibirà in concerto in Piazza Duomo.
  • Nelle giornate dell’11, 12, 18, 19 20 e 21 febbraio, la parata verrà ripetuta all’interno del circuito e a conclusione delle sue serate si terranno diversi concerti musicali con ospiti riconosciuti anche a livello nazionale, come la cantante Anna Tatangelo.
  • Dal 13 al 17 febbraio, invece, sono previsti degli eventi ad ingresso libero, durante i quali è possibile visitare “Re Carnevale” in esposizione in Piazza Duomo e si potrà assistere a manifestazioni organizzate prevalentemente dalle scuole e dalle associazioni locali.

Carnevale Misterbianco 2023

Anche il calendario di Misterbianco è ricco di eventi dall’12 al 21 febbraio. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero:

  • Il 12, 19 (con ospite Manuela Arcuri) e il 21 febbraio il programma prevede le sfilate di Carnevale.
  • Il 16 febbraio invece grande attesa per il concerto gratuito dei The Kolors che avrà luogo in via Gramsci.
  • Il 18 febbraio invece ci sarà il defilè dei costume più belli di Sicilia con una serata condotta da Salvo La Rosa con ospiti I Soldi Spicci.
  • Mentre nelle altre serate ci saranno sfilate delle scuole in maschera con “Re Burlone.

 

 

Continua a leggere

Eventi

“One Night with Gianni”, una mostra multisensoriale al Palazzo Biscari

Pubblicato

il

Si è tenuto domenica scorsa l’evento “One night with Versace”, dedicato allo stilista calabrese e ospitato dal Palazzo Biscari di Catania. Un percorso iniziato a Napoli, nel 2017, e approdato in una delle più incantevoli sedi di Catania.

A organizzare la mostra è stata la Professoressa Sabina Albano, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, che ha reso gli studenti di Fashion Design i co-protagonisti di questo tributo, con abiti di propria ideazione e realizzazione. Abiti che riportano l’iconografia della cifra stilistica di Gianni Versace e ne celebrano la vetustà, circondati dal lusso altrettanto baroccheggiante di Palazzo Biscari.

Ma l’omaggio catanese ha voluto puntare i riflettori, non solo sull’héritage di Gianni, ma anche sullo stretto legame tra presente e passato: l’esposizione ha previsto una parte della collezione firmata Versace, che racconta la storia della moda degli anni ‘80, fino al 1997, anno della scomparsa dello stilista; il resto dei capi d’abbigliamento – oltre mille pezzi – oggi fa parte della collezione privata di Antonio Caravano ed è esposta nel museo olandese di Groninger.

In soli quattro giorni, da giovedì 19 gennaio a domenica 22, la mostra è riuscita a destare l’interesse del suo pubblico grazie alla presenza di elementi interattivi, che hanno permesso di addentrarsi sempre più nella personalità di Versace: il percorso è stato organizzato in modo tale da scoprire, ogniqualvolta che si sarebbe varcata la soglia di ogni sala, un lato diverso della vita di Gianni Versace.

Un’esperienza sensoriale creata unendo le forze e concentrando le specialità e i talenti del territorio: ogni giorno “One night” ha offerto spettacoli e attività diversificate, come le proiezioni, realizzate da Cine-club “In Aria”, delle sfilate più iconiche di Versace e di “All Eyez on Me” – testimonianza del grande legame dello stilista con il rapper 2pac; oppure le splendide coreografie della ballerina Giulia Patti, la lettura dei tarocchi; e ancora la degustazione dei prodotti del caseificio “La Perla del Mediterraneo”, della cucina giapponese di “Ginger” e dei cocktel di “Circus Bar”; l’evento si è concluso con il Fashion Talks, tenutosi venerdì 21, con altri stilisti – quali Jacopo Ascari – e con la sfilata finale del 22 gennaio.

Il polo catanese, che ha rivestito un fondamentale ruolo di collegamento internazionale nel campo della moda, replicherà l’esperienza quest’oggi con la sfilata di abiti da sposa della stilista Elisabetta Polignano, confermando, per la Sicilia, la crescita e l’espansione di un settore influente, trascinante e pieno di risorse.

Continua a leggere

Trending