Connect with us

Cronaca

Baseball, Sicily Red Sox Paternò batte il Phoenix Grosseto e sale in serie B

I ragazzi allenati da Nino Torrisi e Walter Nicastro hanno sconfitto i padroni di casa dopo una lungo e sofferto ma vincente recupero di “Gara3”, sospesa una settimana prima per oscurità.

Pubblicato

il

Fine settimana vittorioso per il baseball paternese. Infatti il team “Sicily Red Sox Paternò” torna nella serie B nazionale.  I ragazzi allenati da Nino  Torrisi e Walter Nicastro nel recupero di “Gara3” disputato ieri mattina sul diamante di Grosseto e sospesa domenica 24 settembre a inizio dell’ottavo inning sul 7-5 per i padroni di casa a causa del sopraggiungere dell’oscurità, hanno superato alla fine il Phoenix Fazzari Grosseto. Il roster etneo, dopo aver vinto “Gara1” (11-4) in casa, ha dovuto arrendersi allo Jannella, in terra toscana, nella maratona di “Gara2”, per 4-3 al 14° inning, dopo quattro ore di gioco, e poi ha conquistato il pass per la B nel proseguimento di “Gara3”, giocata nella mattinata di ieri.

Le due squadre si sono ritrovate sul diamante grossetano e i siciliani hanno effettuato il sorpasso vincente nell’ottavo inning.  Il migliore degli etnei è stato Salvatore Sciacca (che la scorsa settimana ha effettuato 185 lanci in Gara2). E’ stato lui a ritirare il premio della Fibs. a livello sportivo èun evento epico..impegno sacrificioE’ stato lui a ritirare il premio della Fibs, consegnato dal consigliere Alessandro Cappuccini. Per i Phoenix di Emiliano Aprili, che hanno chiuso la loro prima stagione di attività con 14 vittorie e 3 sconfitta, un’amara delusione, con la promozione sfumata in dirittura d’arrivo, ma con tanta voglia di riprovarci il prossimo anno.

Grande gioia in casa della “Sicily Red Sox”:  “Siamo in Serie B ma complimenti anche ai ragazzi di Grosseto per le belle partite disputate, un grosso in bocca al lupo per la prossima stagione” dicono i vertici del team etneo. Soddisfazione per la promozione al termine di una “Gara3” molto combattuta  il presidente della FIBS Sicilia Michele Bonaccorso: “A livello sportivo è davvero un evento che possiamo dire epico; una vittoria che premia in primis i sacrifici e l’impegno di una società che è dovuto ritornare in Toscana per recuperare una “Gara3″ che è stata sospesa all’ottavo inning per oscurità. Poi un plauso allo staff tecnico e ai ragazzi che hanno sempre creduto di farcela, non hanno mai mollato. Onore anche al Grosseto che ha disputato un ottimo torneo”. A congratularsi per la vittoria e la meritata promozione in B anche l’assessore comunale allo sport Andrea Lo Faro. “Esprimiamo grande soddisfazione per il risultato sportivo raggiunto. Ancora una volta il baseball rappresenta un’eccellenza della nostra città-dice Lo Faro-  In una finale combattuta contro Grosseto porta a casa la vittoria  e approda in serie B nazionale. Complimenti al Presidente Nunzio Botta e agli atleti allenati da Nino Torrisi e Walter Nicastro”.

Cronaca

Catania, braccialetto elettronico per un 39enne che minaccia la moglie

A denunciare l’uomo alle forze dell’ordine la segnalazione di una persona che, mentre era in attesa in una sala di un ospedale, aveva prestato il cellulare all’indagato che ha chiamato la consorte

Pubblicato

il

La Procura di Catania ha indagato un 39enne per di atti persecutori aggravati, applicando nei confronti di quest’ultimo la misura cautelare di divieto di avvicinamento alla moglie e installazione del cosiddetto braccialetto elettronico.  Le indagini sono state avviate dalla segnalazione di una persona che, mentre era in attesa in una sala di un ospedale, aveva prestato il cellulare all’uomo che lo aveva dimenticato a casa, quest’ultimo ha chiamato  la moglie e l’avrebbe minacciato pesantemente. A fine chiamata il proprietario del telefonino, che ha sentito la conversazione, preoccupato ha allertato la polizia postale con una mail.

Le indagini hanno permesso di identificare la donna, che era la titolare dell’utenza telefonica che era stata chiamata dall’indagato. I poliziotti hanno ascoltato la signora, madre di minorenni, che ha raccontato le vicende di minacce e molestie subite nel corso del tempo dal marito dopo la separazione. È emerso che l’indagato avrebbe minacciato la donna con frasi come “se ti vedo con un altro ti ammazzo davanti la scuola”, “prima che mi denunci ve la faccia finire male a tutti”. L’uomo avrebbe, inoltre, tempestato la vittima di innumerevoli telefonate e messaggi, tanto da ingenerare in lei un costante timore per l’incolumità sua e dei figli e costringendola a modificare le sue abitudini di vita.  Le risultanze investigative acquisite dalla Polizia postale hanno consentito alla Procura di Catania di richiedere e ottenere dal Gip la misura cautelare nei confronti dell’indagato.

Continua a leggere

Cronaca

Paternò, incidente sulla SS284 tre mezzi coinvolti con diversi feriti

Il sinistro poco prima delle ore 22 nel tratto della statale compreso tra il bivio di Scalilli e Santa Maria di Licodia

Pubblicato

il

foto repertorio

E’ attualmente chiusa in entrambe le direzioni di marcia la statale 284 (Paternò- Randazzo) con il traffico letteralmente impazzito, a seguito di un incidente registratosi questa sera poco dopo le 21.45 nel tratto compreso tra il bivio di Scalilli e Santa Maria di Licodia. La dinamica del sinistro è ancora poco chiara e ha visto il coinvolgimento di due autovetture e di un mezzo pesante, il quale si è messo di traverso occupando entrambe le carreggiate.  Una delle due autovetture sarebbe capottata.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Paternò che hanno messo in sicurezza i mezzi incidentati e aiutato le persone rimaste ferite: si tratta delle due conducenti delle due auto una Citroen C3 e una Lancia Y.   Presenti anche diverse ambulanze del 118 che hanno trasportato i feriti negli ospedali della zona: al San Marco e Policlinico a Catania.  Per i rilievi del caso i carabinieri della compagnia di Paternò.

 

Continua a leggere

Trending