Connect with us

In Primo Piano

Eccellenza, calcio: punteggio tennistico del Paternò che in trasferta supera il Pedara

Grazie alle doppiette di Passewe e Cocuzza, e alle reti di Bontempo e Cortese i rossazzurri espugnano Viagrande : adesso testa al Palalzolo

Pubblicato

il

Punteggio tennistico del Paternò che, sul neutro di Viagrande, supera con un perentorio 6 a 0 uno Sporting Pedara, apparso ben poca cosa, dinnanzi ad una formazione rossazzurra che domina il campionato di Eccellenza e viaggia a vele spiegate e con autorevolezza verso quella promozione in D, che una intera città aspetta ormai da anni. Il Paternò di mister Gaetano Catalano continua ad essere imbattuta in campionato e mantiene a distanza le immediate inseguitrici. Rosolini e Città di Sant’ Agata si trovano a -6 dal Paternò.

La cronaca. Partono decisi gli ospiti paternesi che da subito pressano la trequarti avversaria. Al 7’ rossazzurri in vantaggio con Passewe che sfrutta al meglio un passaggio di Cocuzza: il numero sette del Paternò scatta in velocità e solo davanti a Biondi lo beffa con un tocco che non da scampo al portiere locale. Qualche minuto dopo padroni di casa pericolosi  in due circostanze dapprima con Boccaccio, la cui  bordata da fuori area è respinta da Ferla; successivamente con Llama il cui colpo di testa sorvola di poco la traversa. Al 20’ il Paternò raddoppia con Cocuzza su rigore, concesso dal direttore di gara per atterramento di Truglio.

Al 34’ Bontempo porta a tre le reti: angolo di Privitera, di testa si avventa il centrale difensivo rossazzurro che trafigge Biondi.  Il Paternò adesso gioca sul velluto con i padroni di casa che sembrano essere andati in bambola. Allo scadere della prima frazione di gioco arriva la quarta rete con Passewe, che fulmina il portiere in uscita con un pregevole tocco sotto.

Nel secondo tempo gli ospiti provano ad amministrare la gara colpendo nelle battute finali della gara. Al 38’ arriva il quinto goal con Cortese che di piatto batte Biondi su preciso passaggio di La Piana . Al 43’ Cocuzza, su passaggio ancora di La Piana, porta a 6 le reti. Nel prossimo turno il Paternò affronta in casa il Palazzolo.    

TABELLINO GARA

Sporting Pedara 0

Paternò 6

Marcatori: pt 7’ e 41 Passewe, 20’ Cocuzza su rigore, 34’ Bontempo; st 38’ Cortese, 43’ Cocuzza.

Sporting Pedara: Biondi (41’ st Bonaccorsi), Caruso, Leonardi, Boccaccio, Llama, Cannone, Lauria, Grassi Bertazzi (33’ st Porrovecchio), Camara (11’ st Bonanno), Gennaro (2’ st Di Pietro),  Gruttadauria (34’st  Ternullo). A disposizione: La Spina. All.: Mario Giuffrida

Paternò: Ferla, Coniglione (1’ st Rosalia), Cavallaro, Privitera, Raimondi (13’ st Marino),  Bontempo, Passewe (21’ st La Piana), Truglio (32’ st Daniele Scapellato), Carioto (14’ st Cortese), Cocuzza, Baglione.  A disposizione: Cantarero, Godino, Castiglia, Celia. All.: Gaetano Catalano

Arbitro: Gulisano di Acireale

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Adrano, quattro arresti per tentato omicidio, vittima un 20enne del posto

Il ferito è stato picchiato con inaudita violenza e sarebbe stato aggredito da quattro uomini, rispettivamente di 42, 21, 32 e 22 anni

Pubblicato

il

Tentato omicidio in concorso è il reato contestato dai carabinieri del comando stazione di Adrano ai quattro presunti autori della violenta aggressione, arrestati dai militari dell’Arma adranita col supporto dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò. Vittima un 20enne aggredito ad Adrano lo scorso 16 marzo. Giovane picchiato con inaudita violenza con ripetute bastonate, calci e pugni. Si tratterebbe di un raid punitivo, secondo gli investigatori, scaturito a seguito di un regolamento di conti, come conseguenza di una rissa avvenuta pochi giorni prima proprio ad Adrano.

Subito dopo l’aggressione, i militari dell’Arma hanno arrestato in flagranza un pregiudicato di 42 anni ed il figlio di 21 anni e poi hanno fermato, dopo qualche giorno  un 32enne pregiudicato e un incensurato di 22 anni.  In merito alla ricostruzione dei fatti i carabinieri, a seguito di una telefonata che segnalava la presenza di una persona ferita in via Donizetti, si sono recati sul posto rinvenendo, riverso in strada, un ragazzo in stato di semi-coscienza e con gravi ferite sul corpo, che visibilmente impaurito ha riferito di essere caduto accidentalmente. Ricostruzione non ritenuta credibile dai carabinieri.

Il 20enne è stato medicato all’ospedale di Biancavilla ed è stato dichiarato guaribile in 30 giorni avendo riportato un trauma cranico e una frattura ad un arto inferiore. Le indagini hanno permesso, successivamente, di ricostruire le varie fasi dell’aggressione e di identificare i presunti responsabili. In particolare, dalla visione delle immagini di un impianto di video sorveglianza che si trova nelle vicinanze del luogo dell’azione criminale si è potuto chiaramente osservare come i quattro hanno raggiunto di corsa il 20enne mentre stava uscendo dalla propria autovettura e l’hanno iniziato a pestare con brutalità, senza risparmiargli, anche quando era ormai indifeso, colpi al capo e alle parti vitali, lasciandolo infine priva di sensi in strada. Sono  subito scattate le ricerche dei presunti aggressori.

A tal proposito la coppia padre-figlio è stata rintracciata e tratta in arresto nella stessa giornata del tentato omicidio, mentre i restanti due, una volta identificati con certezza, sono stati fermati 5 giorni dopo. Tutte le persone coinvolte nell’aggressione, compresa la vittima, non hanno fornito elementi utili per risalire alle motivazioni dell’agguato. Gli arrestati sono stati condotti nel carcere di Catania Piazza Lanza.  Il Gip di Catania ha già convalidato i vari provvedimenti emessi nei loro confronti.

 

Continua a leggere

Cronaca

Scordia, arrestati due fratelli di 47 e 45 anni per tentato omicidio

La vittima è un uomo di 50 anni, un vicino di casa, raggiunto con 18 coltellate al petto, all’addome e al volto e lasciato agonizzante in strada.

Pubblicato

il

Tentato omicidio in concorso. E’ il reato contestato a due fratelli, di 47 e 45 anni, arrestati dai carabinieri della compagnia di Palagonia in quanto considerati  gli autori del tentativo di omicidio, con 18 coltellate, di un loro vicino di casa di 50 anni avvenuto sabato scorso a Scordia, in contrada Rasoli, fuori dal centro abitato nei pressi dello scalo ferroviario. Alla base dell’aggressione vi sarebbero dei vecchi contrasti mai risolti tra i due arrestati e la  vittima. Da quanto accertato dai carabinieri della compagnia di Palagonia i due fratelli dopo aver tamponato l’auto del 50enne,  lo avrebbero accoltellato al petto, all’addome e al volto e poi l’avrebbero lasciato agonizzante sul selciato nei pressi dei binari.

Dopo l’accoltellamento i due fratelli si sarebbero dati alla fuga, facendo perdere le proprie tracce. Grazie ai soccorsi chiamati da alcuni passanti, l’uomo è stato subito trasportato in autoambulanza nell’ospedale di Militello in Val Catania, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico di urgenza. Immediate le indagini dei carabinieri che hanno subito scavato nel passato della vittima riuscendo così a chiudere il cerchio intorno ai due presunti autori del tentato omicidio.

L’attività investigativa sin da subito si è indirizzata verso i due sospettati, che sono stati rintracciati presso le rispettive abitazioni mentre stavano cercando di disfarsi dei capi d’abbigliamento ancora insanguinati. Uno dei due arrestati avrebbe ammesso subito le proprie responsabilità, rispetto ai fatti coinvolgendo anche altre persone. Dopo aver trovato un paio di pantaloni, un maglioncino ed un paio di scarpe macchiati di sangue pronti per essere lavati ed aver rilevato la presenza di tracce di sangue nell’auto dei due fratelli, i carabinieri hanno proceduto al loro arresto. I due fratelli sono stati rinchiusi nel carcere di Caltagirone in attesa dell’udienza di convalida .

Continua a leggere

Trending