Connect with us

Cronaca

Calcio, da oggi parte la collaborazione tra Paternò calcio e Catania FC

La squadra, tornata in Serie D, “potrà continuare a crescere beneficiando di un importante modello di riferimento, in parallelo con le proprie tradizioni calcistiche e la propria identità” dice Ivan Mazzamuto presidente del Paternò.

Pubblicato

il

foto pagina ufficiale "Facebook" Paternò Calcio

In casa del Paternò ottenuta la promozione in serie D si pensa al futuro programmandolo nei minimi dettagli anche in termini di collaborazione. Infatti Paternò e Catania Football Club hanno reso noto di aver raggiunto un’intesa per lo sviluppo pluriennale di un progetto di collaborazione. Il vice presidente e amministratore delegato del Catania Vincenzo Grella ha spiegato che Ivan Mazzamuto “è una persona che condivide il nostro modo di intendere il calcio, così abbiamo individuato nel Paternò la società giusta per una sinergia incentrata sulla comune sensibilità alle esigenze del territorio e dei ragazzi. Il Catania potrà prospettare un’ulteriore opportunità formativa ai suoi giovani. Nei primi tre anni, la partnership riguarderà anzitutto una precisa piattaforma tecnica ma anche il marketing e gli eventi”.

 

Il presidente del Paternò Calcio Ivan Mazzamuto ha specificato che “poter contare sulla traccia dirigenziale di Rosario Pelligra, Vincenzo Grella e Mark Bresciano, che in appena due anni hanno già vinto, affermato una filosofia di gestione ponendo basi solide per il futuro e trasmesso a una piazza prestigiosa una grande fiducia nel futuro, è stimolante. Siamo davvero orgogliosi di questa partnership, che lega le due società e le due città. Il Paternò, che è tornato in Serie D grazie alla vittoria della Coppa Italia Dilettanti nazionale, potrà continuare a crescere beneficiando di un importante modello di riferimento, in parallelo con le proprie tradizioni calcistiche e la propria identità”.

 

Cronaca

Paternò, incendio sterpaglie lungo Corso Marco Polo, fiamme minacciano asilo nido

Altri roghi si sono registrati lungo la statale 683 in territorio di Caltagirone e nei pressi della Tangenziale a Misterbianco

Pubblicato

il

Ancora incendi nel catanese per via del forte caldo di questi giorni che sta mettendo a dura prova i vigili del fuoco del comando provinciale. A Paternò un incendio si è sviluppato poco prima delle ore 13 in un terreno abbandonato ricco di sterpaglie e rifiuti che si trova lungo Corso Marco Polo a pochi passi dall’asilo nido ormai del tutto vandalizzato e a pochi metri dalle abitazioni. Sul posto per spegnere il rogo i pompieri del distaccamento di Paternò.

Altri incendi si sono registrati nel primo pomeriggio lungo la strada statale 683, in territorio di Caltagirone. Il fumo ha reso precaria la visibilità degli automobilisti. A spegnere l’incendio i pompieri di Caltagirone e di Vizzini. Altro incendio sulla tangenziale in territorio di Misterbianco. Ad agire per domare le fiamme i pompieri del comando provinciale.

Continua a leggere

Cronaca

Adrano, trovato più volte alla guida senza patente, condannato a 3 mesi di domiciliari

Il Tribunale di Sorveglianza dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.

Pubblicato

il

Ad Adrano gli agenti del locale commissariato hanno dato corso ad un ordine di esecuzione pena nei confronti di un adranita di 54 anni per espiare in regime di detenzione domiciliare la pena di 3 mesi e un’ammenda di 3 mila euro, a seguito di sentenza divenuta definitiva, in quanto riconosciuto colpevole del reato reiterato di guida senza essere titolare di patente in quanto mai conseguita e più sorpreso a guidare senza averne titolo.

Il Tribunale di Sorveglianza presso la Corte di Appello di Catania, dovendo decidere in merito, a fronte di sentenza di condanna definitiva ha valutato inammissibile la richiesta di scontare la pena con affidamento ai Servizi Sociali ritenendo, invece, più idonea la detenzione domiciliare.  Il personale del commissariato una volta ricevuto l’ordine di esecuzione, ha proceduto agli adempimenti di rito sottoponendo l’uomo al regime restrittivo presso la propria abitazione dove dovrà scontare la pena.

Continua a leggere

Trending